La variante berlina della sportiva M8 ha il motore V8 4.4 da 600 o 625 CV. Per lo 0-100 km/h bastano 3,3 secondi

Si completa la “famiglia” BMW M8. Dopo la Coupé e la Cabrio oggi viene presentata la M8 Gran Coupé, variante ad altissime prestazioni della berlina sportiva Serie 8 Gran Coupé, che condivide motore, cambio e sistema di trazione integrale con le “sorelle”.

Sotto il cofano c’è infatti il possente V8 biturbo 4.4 già visto sulla berlina M5, che eroga 600 CV di potenza per la M8 Gran Coupé e 625 CV per la M8 Competition Gran Coupè un motore ricchissimo di coppia (750 Nm fra 1.800 e 5.600 giri) in grado anche di “girare” alto, perché secondo la casa tedesca può raggiungere i 7.200 giri.

BMW M8 Gran Coupé

Con l'elettronica cambia "faccia"

A gestire il V8 c’è la trasmissione automatica a 8 marce, che al pari delle M5 ed M8 è del tipo a convertitore di coppia: è più confortevole quando si guida in souplesse, ma “spara” vere e proprie fucilate quando si opta per le modalità di guida più cattive, selezionabili da un tasto a bilanciare presente sul selettore del cambio (non mancano comunque le palette al volante).

Il pezzo forte delle M8 Gran Coupé è comunque la trazione integrale M xDrive, programmabile dal guidatore su vari livelli: tramite un ripartitore di coppia e il differenziale attivo M è possibile scegliere fra trazione integrale con controllo di stabilità attivo, trazione integrale sportiva, trazione integrale senza controllo di stabilità, trazione integrale sportiva senza controllo di stabilità e trazione posteriore.

BMW M8 Gran Coupé

In quest’ultima modalità si può derapare e guidare in modo “sporco”, come sulle sportive “pure”, ma per raggiungere i tempi dichiarati nello scatto da scatto da 0 a 100 km/h bisogna per forza attivare il 4x4: la M8 Gran Coupé “brucia” lo 0-100 in 3,3 secondi e la M8 Competition Gran Coupé ha bisogno di soli 3,2 secondi. La velocità massima è di 250 km/h, ma a richiesta è possibile chiedere il limitatore a 305 km/h.

Non passa inosservata

La casa tedesca ha rivisto inoltre i punti di ancoraggio delle sospensioni al telaio, irrigiditi per migliorare la precisione di guida, oltre alle regolazioni di sterzo e molle. L’impianto frenante, composto da dischi in acciaio (optional quelli in materiale composito), può essere regolato dal guidatore su due modalità: una più “blanda” per la guida di tutti i giorni, l’altra più sportiva.

Dalle “sorelle” la M8 Gran Coupé riprende anche il look grintoso, messo in risalto dai cerchi di 20”, dai fascioni ridisegnati con profili in nero lucido e dai quattro grossi scarichi. Sarà in vendita da aprile 2020.

Fotogallery: BMW M8 Gran Coupé