Stanziati i fondi dal Governo: 16,1 milioni per il 2019 e 2020, pari a 30 euro a seggiolino

Il Governo ha deciso di stanziare 16,1 milioni di euro per l’acquisto di seggiolini o altri dispositivi anti-abbandono, che segnalano ad un genitore distratto se sta dimenticando nell’auto un bambino. L'obbligo, lo ricordiamo, riguarda il trasporto in macchina di bambini fino a 4 anni d'età.

L’acquisto di un seggiolino anti abbandono o di un dispositivo analogo verrà, quindi, incentivato dallo Stato con un bonus di 30 euro ad accessorio, ma le modalità per chiedere lo sgravo saranno annunciate nei prossimi giorni. I tempi però sono stretti: l'obbligo sarà in vigore dal 7 novembre. I trasgressori, lo ricordiamo, verranno puniti con una multa da 81 a 326 euro, ma in caso di recidiva entro due anni è prevista la sospensione della patente da 15 a 60 giorni.

Fondi molto limitati

Gli incentivi, stando alle anticipazioni dell’Ansa, saranno comunque validi anche per l'anno 2019, non solo per il 2020, e fino ad esaurimento, quindi calcolatrice alla mano è bene che le persone interessate si facciano trovare pronte all’acquisto: potranno usufruire dell’incentivo circa 536.000 persone, ma in Italia i bambini sotto i quattro anni di età sono circa quattro volte di più.

Per il Codacons dovrebbero essere gratuiti

La somma messa a disposizione dallo Stato non è ritenuta sufficiente dal Codacons, l’associazione che tutela i diritti dei consumatori, per il quale i seggiolini non devono essere scontati ma bensì gratuiti.

Lo ha dichiarato il presidente Carlo Rienzi, per il quale l’incentivo, “oltre a rappresentare una elemosina, creerà disparità di trattamento tra famiglie e potrebbe dare vita a speculazioni da parte di produttori e distributori che, a fronte dell’obbligatorietà del seggiolino, possono praticare il prezzo che vogliono, con un totale squilibrio a danno dei consumatori”.

Fotogallery: Seggiolini auto, la normativa i-Size