Con "Manovra perfetta", Fiat toglie l’IVA e l’anticipo, con 60 rate da 125 euro e 2.900 euro di rata finale

L’IVA aumenterà nel prossimo futuro? Per Fiat e Lancia non si pone il problema, grazie all’iniziativa Manovra perfetta che, fino al 30 novembre, toglie di fatto il valore dell’IVA dal costo iniziale del listino: vediamone gli effetti sulla popolarissima ed economica Panda Pop 1.2 benzina da 69 CV.

Il listino sarebbe di 11.550 euro, ma scende fino a 7.800 euro aderendo al finanziamento FCA Bank, eliminando sia l’IVA al netto della messa in strada, sia aggiungendo uno sconto ulteriore. Non si paga quindi alcun anticipo, ma si versano 60 rate mensili da 125,5 euro (TAN fisso 6,45%, TAEG 9,77%) e una rata finale di 2.875,33 euro, per un totale massimo di 75.000 km e 0,05 euro al km in caso di esubero.

Vantaggi

La Panda Pop costa veramente pochissimo, meno di certi popolari maxi-scooter: senza finanziamento siamo già a 9.300 euro con un primo sconto, ma 7.800 euro significano 3.750 euro di meno, tra l’altro con il climatizzatore compreso nel prezzo. Con 5 anni di mini rate inferiori ai 130 euro, resta poi una rata conclusiva facilmente riscattabile, o utilizzabile come anticipo per un nuovo finanziamento. Oltretutto, la Panda è il modello più venduto in Italia, adatto anche ai neopatentati, senza ecotassa e di facile commerciabilità anche dopo 6 anni.

Svantaggi

L'offerta è valida per le Panda in pronta consegna, esclusi gli optional, e quindi aggiungendo anche gli importi di IPT e PFU si andrà sicuramente a spendere più di quanto indicato dall’esempio; inoltre, la Pop è un modello base, e c’è l’anticipo zero ma non il tasso zero sulle rate. C’è poi una caratteristica che compare speso nelle promozioni nei siti: l’immagine dell’auto accanto all’annuncio principale con il prezzo di 7.800 euro non è quella della Panda Pop, ma di una più costosa e accessoriata Cross.

Fotogallery: Fiat Panda 2017