In vigore dal 2021, daranno più spazio alle informazioni sull’efficienza energetica aiutando a scegliere le gomme per consumare meno

Risparmiare carburante e ridurre le emissioni. Sono questi gli obiettivi delle nuove etichette per gli pneumatici venduti in Europa, su cui ieri la Commissione Ue, il Consiglio e l’Europarlamento hanno raggiunto il primo accordo politico, finalizzato ad applicare la normativa aggiornata entro il 1° maggio 2021.

Risparmi consistenti

Il provvedimento approvato mira a rendere più visibili e dettagliate le informazioni che devono accompagnare le gomme, con riflessi molto consistenti secondo Bruxelles. Le stime dell’esecutivo Ue, infatti, indicano che grazie alle nuove etichette - e alle conseguenti scelte più consapevoli da parte degli automobilisti - si potrà raggiungere un risparmio energetico pari a quello che si avrebbe togliendo dalle strade 4 milioni di vetture all’anno.

I dati diffusi dall’Unione europea sottolineano che la resistenza al rotolamento degli pneumatici assorbe il 20-30% dei consumi di carburante.

Gomme invernali o 4 stagioni: come sono fatte

Sempre più come gli elettrodomestici

Lo schema del labelling rimarrà molto simile a quello dell’etichettatura energetica degli elettrodomestici, con una scala basata su lette (la A è la più efficiente) e colori (dal verde al rosso).

“Passando a gomme più efficienti i cittadini europei potranno ridurre significativamente i propri consumi, risparmiare denaro e aiutare l’ambiente”, sottolinea il commissario per il Clima, Miguel Arias Canete, “questa è la strada europea per la sicurezza energetica e la protezione del clima: essere più efficienti in tutti gli aspetti della vita”.