Cura extra lusso di Maybach per un salotto per 4 con interni da limousine con 558 CV

Per auto come la Mercedes-Maybach GLS 600 andrebbero scritti due articoli: uno con il punto di vista dei passeggeri posteriori, i più coccolati, e l’altro con quello del guidatore, che nella maggior parte dei casi sarà uno chaffeur. Questo perché la Mercedes-Maybach GLS 600 è una vera e propria limousine di rappresentanza, da far guidare all’autista, perciò le cose da scrivere cambiano a seconda del posto in cui si è seduti.

In ogni caso autista e passeggeri saranno concordi su un punto: Maybach, il marchio extra lusso di Mercedes, ha fatto un gran lavoro per impreziosire e personalizzare il SUV di grandi dimensioni Mercedes GLS, aggiornandone il look e modificando in modo più profondo il curatissimo abitacolo.

Fotogallery: Mercedes-Maybach GLS 600

Un SUV da far guidare

Chi guida deve sapere che la Mercedes-Maybach GLS 600 è un “bestione” lungo 5,21 metri e largo 2,03 metri, che cambia rispetto alla Mercedes GLS per alcuni dettagli: sono presenti più cromature, il fascione anteriore ha un look più vistoso e si può avere la vernice bicolore.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

Inedita è anche la mascherina, priva della stella a tre punte di Mercedes (l’emblema è sul cofano), mentre gli specifici cerchi in alluminio di 22” o 23” sono più eleganti di quelli per la Mercedes GLS. Lo chaffeur e il passeggero al suo fianco siedono 2,5 cm più in alto rispetto alla Mercedes, perché Maybach ha rialzato i sedili per aumentare lo spazio a disposizione delle gambe di chi siede dietro.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

A disposizione del guidatore ci sono il sistema multimediale MBUX e una specifica modalità di guida, la Maybach, che migliora il comfort dei passeggeri posteriori innestando la seconda marcia nelle partenze da fermo, disattivando lo stop&start e rendendo il pedale dell'acceleratore meno sensibile alle pressioni non prolungate.

Lo sprint non manca

Vero è che il bello di auto così lussuose ed eleganti si apprezza da passeggeri, ma lo chaffeur non ha comunque di che lamentarsi grazie al sistema ibrido leggero basato sul motore biturbo a benzina V8 4.0: ha 558 CV e ben 730 Nm di coppia.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

L’otto cilindri, abbinato al cambio automatico a 9 marce, viene assistito dall’EQ Boost, un alternatore con funzione di motorino d’avviamento che svolge il ruolo di “tuttofare”: migliora la spinta fornendo un surplus di 22 CV, recupera energia nei rallentamenti e diminuisce i consumi attivando prima e più a lungo lo stop&start. L’EQ Boost è alimentato tramite una rete elettrica supplementare a 48 volt.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

La GLS 600 è dotata inoltre della trazione integrale a controllo elettronico, che su fondi a bassissima aderenza può inviare anche il 100% della coppia ad un solo asse delle ruote.

Un "tappeto" d'aria

Tutto quello che abbiamo scritto finora interesserà poco o nulla i fortunati passeggeri, lieti invece di sapere che la Mercedes-Maybach GLS 600 fa di tutto per “viziarli”. Il SUV ha infatti un predellino estraibile per facilitare l’accesso a bordo e le sospensioni pneumatiche Airmatic ottimizzate per questo scopo, perché si abbassano di 2,5 cm per avvicinare al suolo il pavimento dell’auto.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

Le sospensioni inoltre sono dotate del sistema E-Active Body Control, alimentato dalla rete a 48 volt, che esercita una forza su ciascuna molla per regolare l’assetto in funzione della strada o della guida: la Maybach GLS resta piatta anche nelle frenate, nelle accelerazioni e nelle curve affrontate a forte velocità, quando altrimenti la carrozzeria tenderebbe ad affondare o coricarsi su un lato.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

Salotto per due

La Maybach GLS 600 può essere ordinata nelle versioni con 2 poltrone posteriori o con il tradizionale divanetto. Il massimo del comfort si raggiunge con la prima, perché i sedili (con funzioni massaggi, riscaldamento e raffrescamento) sono arretrati di 12,0 cm rispetto al divano della Mercedes.

Mercedes-Maybach GLS (2020)

E’ possibile reclinare il loro schienale e trasformali in vere e proprie poltroncine. A separarle c’è un tunnel rivestito in pelle e legno, che può avere il poggiagomito riscaldabile, tavolini in stile aereo e anche un mini-bar: c’è spazio per un piccolo frigorifero, ampio a sufficienza per contenere fino a tre piccole bottiglie di champagne, e per due flute.

Sono previsti anche gli schermi dietro i sedili anteriori per l’intrattenimento e un tablet fra i sedili posteriori, dal quale controllare tutte le impostazioni sul comfort, oltre ai controlli separati del clima per la zona sinistra e destra nella parte posteriore dell'abitacolo.