Torino rigetta l'ipotesi di aver corrotto membri del sindacato UAW per ottenere vantaggi nel rinnovo dei contratti di lavoro

General Motors ha intentato una causa legale nei confronti di FCA, l'accusa è corruzione. I fatti risalgono al 2009, quando alla guida di FCA c’era Sergio Marchionne: secondo l’accusa il costruttore italo-americano avrebbe versato tangenti ad alti funzionari del potente sindacato UAW, al quale aderiscono circa 390.000 fra addetti nel mondo dell’auto e dell’aerospazio, con l’obiettivo di strappare condizioni più favorevoli nel rinnovo del contratto di lavoro.

FCA avrebbe versato mazzette anche durante le trattative per i rinnovi contrattuali del 2011 e 2015. Torino si difende ed oltre a rigettare le accuse sostiene che l'operazione abbia lo scopo di mettere i bastoni fra le ruote all'accordo con PSA.

Nel 2019 sei settimane di blocchi

Questo sistema avrebbe procurato svantaggi a GM, perché il costo del lavoro sostenuto dal 2009 sarebbe stato maggiore rispetto a quello di FCA. General Motors, inoltre, ha assistito nel 2019 ad uno stop della produzione per 6 settimane proprio a causa degli aspri contrasti con la UAW per il rinnovo del contratto dei lavoratori che rappresenta. Ne ha fatto le spese anche la nuova Chevrolet Corvette, la cui produzione è slittata da fine 2019 ai primi mesi del 2020.

La causa di GM è arrivata dopo un'inchiesta dell'FBI sulla corruzione all'interno della UAW, che ha portato all'accusa di tre ex manager di FCA incaricati dei rapporti con i sindacati. Tutti e tre si sono dichiarati colpevoli di corruzione.

La difesa di FCA: è un sabotaggio

Il costruttore italo-americano ha risposto a GM pubblicando una nota, in cui respinge le accuse e si difende sostenendo che il tutto non è altro che un tentativo di 'sabotaggio', perché nel documento si legge che “questa sconcertante manovra viene in un momento in cui FCA sta dimostrando di essere un concorrente sempre più forte […], implementando con successo la propria strategia di lungo periodo. Ciò comprende il suo piano di fondersi con PSA, che per parte sua ha completato con successo il risanamento delle attività europee che ha recentemente acquistato dalla General Motors”.

FCA, in altri termini, sostiene che l'operazione abbia lo scopo di mettere i bastoni fra le ruote all'accordo con PSA.