Scritto dal consulente per il marchio Antonio Ghini, il volume ripercorre passo passo la storia del Brand fino a oggi

Non avete mai trovato tutte le curiosità e le notizie sulla Lamborghini che avreste voluto sapere? Da oggi potrebbe esserci la soluzione, grazie al volume fotografico “Lamborghini – Dove. Perché. Chi. Quando. Cosa.

Un libro di 224 pagine, dell’autore Antonio Ghini, i cui capitoli sono scanditi secondo la più classica delle regole di comunicazione, quella anglosassone delle 5 W: Who, What, When, Where, Why. Con queste, il lettore è guidato in un percorso di approfondimento della storia e del presente della Casa di Sant'Agata Bolognese. 

Lamborghini Miura
Lamborghini Aventador SVJ 63 Roadster

Aria di Motor Valley

Il libro mette in relazione il ‘Dove’, Sant’Agata Bolognese, insieme al ‘Chi’, i personaggi che hanno scandito oltre 50 anni di mito: non solo Ferruccio Lamborghini, il fondatore, ma anche i grandi ingegneri e designer del passato fino ai protagonisti di oggi, come Stefano Domenicali, attuale Chairman e CEO.

Il viaggio continua tra i ‘Perché’, le cui risposte sono capaci di spiegare l’unicità del marchio del Toro, e il ‘Quando’, narrazione storica delle vicende che hanno marcato la sua evoluzione fino a oggi, attraverso la dedizione e la sapienza professionale dei suoi protagonisti.

Fotogallery: Lamborghini Sian FKP 37

Una tematica precisa

Infine il ‘Cosa’, cioè il cuore di Lamborghini, le sue auto. Le pagine guidano il lettore nel racconto dei modelli divisi in tre famiglie, noti per le loro caratteristiche di avanguardia stilistica e tecnologica, come la Miura, la Countach, la Diablo, la Murciélago e oggi l’Aventador.

Un ponte per il futuro

Un racconto testuale e fotografico che crea un ponte tra la prima Lamborghini e le ultime, come l’Urus, il Super SUV che ha rivoluzionato le sorti dell’Azienda, fino all’ultima, la Sián FKP 37 del 2019, primo passo del percorso di ibridizzazione di Lamborghini. Infine uno sguardo al futuro, vocazione insita nel DNA del marchio, con le immagini della Lamborghini del domani, l’elettrica Terzo Millennio, capace di dimostrare che non ci sono rivoluzioni capaci di indebolire la passione per l’automobile.