Oltre alle modifiche per la carrozzeria, in occasione del restyling arriveranno nuovi aiuti alla guida e gli ibridi leggeri

Dopo la XC90, rinnovata a febbraio, il prossimo anno Volvo aggiornerà la berlina S90, la wagon V90 e la wagon in stile crossover V90 Cross Country, che riceveranno un “lifting” di metà carriera (sono state presentate nel 2016) destinato a rinfrescarne il look e ad impreziosire i sistemi di ausilio alla guida.

A confermarlo sono queste immagini scattate in Svezia, che lasciano intuire quali saranno le novità per lo stile: si notano infatti modifiche alle luci anteriori, il cui design interno verrà rivisto, e cambiamenti a quelle posteriori, che nella S90 potrebbero non avere più la tipica forma di C. Anche la mascherina sarà ristilizzata.

Fotogallery: Volvo S90, V90 e V90 Cross Country, foto spia del restyling

Sicura anche nelle retro

Stando alle anticipazioni fin qui trapelate, le rinnovate S90 e V90 dovrebbero avere materiali interni di qualità superiore e inediti sistemi di aiuto alla guida: fra questi il Cross Traffic Alert, che frena automaticamente nelle retro se il guidatore non percepisce un ostacolo, e l’Oncoming Lane Mitigation, che sterza per evitare un urto frontale se il guidatore è fuoriuscito inavvertitamente dalla corsia di marcia. Fra le novità dovrebbe esserci anche la compatibilità con Android Auto per il sistema multimediale.

Più cavalli e autonomia per la T8

Le rinnovate Volvo S90, V90 e V90 Cross Country dovrebbero avere anche un rinnovato sistema ibrido plug in, con batterie ricaricabili dall’esterno tramite una presa elettrica o una colonnina: il T8, come già avvenuto per la XC90, dovrebbe ricevere nuove batterie e veder migliorare l’autonomia a zero emissioni, mentre i cavalli dovrebbero aumentare da 408 a 420.

Con l’aggiornamento è probabile inoltre che arrivino i sistemi ibridi leggeri B5 a benzina da 250 CV e diesel da 235 CV, dotati di un sistema per il recupero dell’energia nei rallentamenti.