Disponibili solo con Apple CarPlay, dal 2020 le auto della casa tedesca si potranno associare anche agli smartphone Android

Anche le BMW riceveranno presto la versione senza filo di Android Auto, che permette di collegare wireless lo smartphone al sistema multimediale: non cambia il funzionamento dell’interfaccia, ma è maggiore la comodità per chi guida l’auto, che vedrà associarsi il telefonino al sistema multimediale non appena sale a bordo (la connessione avviene tramite bluetooth).

I primi modelli ad esserne dotati arriveranno a luglio 2020, secondo quanto anticipato oggi della casa tedesca, che mostrerà la tecnologia durante l’imminente CES di Las Vegas, la grande fiera della tecnologia che quest’anno si svolge dal 7 al 10 gennaio.

Anche le BMW avranno Android Auto

La futura disponibilità della versione senza filo sancisce l’arrivo di Android Auto anche per le auto della casa tedesca, finora compatibili solo per i telefonini della Mela morsicata. Questa scelta, all'apparenza controcorrente (la maggior parte dei telefonini venduti ogni anno ha Android), era stata messa in atto da altri produttori, fra i quali Toyota, che al pari di BMW ha fatto marcia indietro e sta iniziando a rilasciare Android Auto sui nuovi modelli.

Comodo sì, ma con il tappetino

BMW era stata fra le prime case automobilistiche ad introdurre anche la versione senza filo di Apple CarPlay, disponibile per la Serie 5 fin dal suo esordio (avvenuto a febbraio 2017). La connettività senza filo, che sia per dispositivi Apple o con sistema Android, andrebbe associata al tappetino per ricaricare senza filo la batteria dello smartphone, che si esaurisce più velocemente quando il telefono è connesso via bluetooth e viene sfruttato per l’ascolto della musica o la navigazione satellitare.

Fotogallery: Nuova BMW Serie 1