I lavori per il restyling del circuito lombardo sono partiti e nel 2021 aprirà i battenti. Nell'attesa ecco i render

L’Italia è sempre più terra di conquista per Porsche. Non solo perché il Bel Paese rappresenta il terzo mercato europeo per Zuffenhausen (dopo Germania ed Inghilterra): la Cavallina infatti dopo lo storico anello di Nardò si è aggiudicata anche l’Autodromo di Franciacorta, con l’intenzione di farlo diventare l’ottavo Porsche Experience Center del mondo. E non uno qualsiasi, bensì il più grande tra quelli esistenti (gli altri sono ad Atlanta, Hockenheim, Le Mans, Lipsia, Los Angeles, Shanghai e Silverstone).

Fotogallery: Porsche Experience Center di Franciacorta, i render

Dalla pista all'offroad

Un centro nevralgico per Porsche i cui lavori di sistemazione, che hanno richiesto 26 milioni di euro di investimento, sono appena partiti e termineranno per l’inizio del 2021 con apertura prevista per marzo. Lavori che comprenderanno la riasfaltatura dell’intero tracciato lungo 2.519 metri e la costruzione di un nuovo “Custumer Center” da 5.600 mq e Agorà interno da 2.400 mq.

Sarà questo il cuore del Porsche Experience Center di Franciacorta, dove saranno presenti vari ambienti per visitatori e clienti, con ristoranti e spazi comuni, compreso un terrazzo affacciato sulla pista.

L’asfalto sarà solo uno degli ambienti dove poter mettere alla prova tutte le Porsche a listino: verrà infatti anche implementata l’area offroad, dove ci si potrà cimentare in 12 differenti esercizi a bordo di Cayenne e Macan, mentre su un’aera di 30.000 mq verrà creato uno spazio per esercizi di guida sicura con superfici a bassa aderenza, per cimentarsi (anche) in sovrasterzi di potenza. Per iniziare a farsi un'idea di come sarà una volta ultimati i lavori potete guardare i render ufficiali qui sopra.

Simulatori, kart e tanto altro

Il Porsche Experience Center di Franciacorta non sarà però unicamente un luogo dove provare auto su asfalto o terra. Ci saranno aree dedicate a simulatori di guida, grazie ai quali si potrà provare l’intera gamma Porsche presente e passata, una pista per kart elettrici e sale per formazione dei dipendenti.

I clienti della Casa tedesca potranno poi scegliere di ritirare lì la propria vettura al posto della classica concessionaria, per metterla subito alla prova in pista.