Una è un omaggio alla GT vincitrice a Le Mans nel '68-'69, l'altra è un tripudio di fibra di carbonio

La Ford GT non avrebbe avuto bisogno di alcun aggiornamento per essere più attraente di così. Si, abbiamo usato il condizionale, perché Ford non si è fatta sfuggire l'occasione e ha annunciato due edizioni speciali per la sua iconica supercar. Uno alimenta la nostalgia degli appassionati mentre l'altro fa un tuffo nella fibra di carbonio. E questo per quanto riguarda l'estetica, perché entrambe, a livello meccanico, hanno ricevuto un upgrande di potenza.

La produzione è estremamente limitata, con Ford che ne costruirà poche ogni anno (non si sa ancora il numero preciso) prima dello stop alla produzione fissato per il 2022.

Carbonio a vista

2020 Ford Liquid Carbon Edition

Iniziamo con la più particolare, la Ford GT Liquid Carbon Edition che, semplicemente, non ha vernice a ricoprire l'intera carrozzeria in fibra di carbonio. Questo non significa che il materiale composito a vista sia privo di protezione, con Ford che vi ha applicato sopra uno speciale strato trasparente per proteggere e, al tempo stesso, evidenziare ogni dettaglio della trama in carbonio. Se vi sembra esagerata si possono aggiungere svariate personalizzazioni per renderla ancora più caratteristica, tra cui doppie strisce racing, la classica stripe centrale o calotte degli specchietti verniciate. Ovviamente, anche le ruote sono di serie in fibra di carbonio.

Omaggio alla GT40 vincitrice a Le Mans

2020 Ford GT Heritage Edition

La seconda speciale rievoca il glorioso passato racing dell'Ovale Blu. Ecco di nuovo la livrea blu e arancione della Gulf Racing, realizzata questa volta con un design aggiornato che porta in dote una striscia nera che separa le tonalità. Rende omaggio alla GT40 che vinse Le Mans nel 1968 e nel 1969, con il numero 6 che, anch'esso, è un chiaro rimando alla macchina vincente. Anche su questa Ford GT ci sono optional i cerchi in fibra di carbonio.

Il V6 biturbo tocca i 670 CV

Ma passiamo adesso a quello che si nasconde sotto il cofano. L'aumento di potenza non è tanto, con il V6 biturbo da 3.5 litri che tocca adesso i 670 CV (+14 CV). Gli ingegneri sono intervenuti sui pistoni, che sono nuovi, e sull'aerodinamica che, grazie alla nuova configurazione dei condotti dell'aria, riesce a portare il 50% di flusso in più al motore. Anche l'elettronica è stata ritarata, con il motore che adesso distribuisce meglio la coppia su tutto l'arco dei giri. Gli intercooler sono più grandi e un nuovo sistema di scarico in titanio Akrapovič rende ancora più coinvolgente il sound.

Fotogallery: Ford GT Liquid Carbon Edition