In un comunicato stampa i vertici della kermesse elvetica tranquillizzano circa la situazione nel paese

L’emergenza coronavirus non accenna a placarsi e anzi aumenta, con nuovi picchi di contagi e morti in Cina, dove sempre più numerose Case automobilistiche e altre aziende stanno fermando le proprie fabbriche per salvaguardare la salute dei propri dipendenti.

Ma il 2019-nCoV (questo il nome del virus) rischia di avere pesanti ripercussioni anche in Europa, col Mobile World Congress di Barcellona, in programma dal 24 al 27 febbraio, che sta registrando numerose defezioni da parte di aziende, per paura di nuovi contagi.

Quello spagnolo precederà di qualche giorno un altro importante appuntamento internazionale: il Salone di Ginevra, in programma dal 5 al 15 marzo (con 3 e 4 come giornate dedicate a stampa e VIP).

Niente contagi in Svizzera

In una breve nota stampa i vertici della kermesse elvetica hanno tranquillizzato pubblico e addetti ai lavori, sottolineando in primis come in Svizzera – ad oggi – non si sia verificato alcun caso di coronavirus. Un fatto che non fa comunque abbassare la guardia e, come sottolineato, viene preso molto seriamente da organizzatori ed ente fieristico.

“Il Centro fieristico dispone di un piano di azione a livello medico, che viene costantemente aggiornato, in base ai cambiamenti della situazione. Questo piano comprende in particolare la messa in atto di un accurato programma di pulizia, disinfezione e prevenzione nelle zone pubbliche del Centro (ad esempio, nei ristoranti, nelle toilette, su balaustre e touchscreen), con l’utilizzo di idonei prodotti sanitari” recita il comunicato stampa diramato poco fa.

Tutto confermato

Nessun cambiamento di programma quindi, senza nuove defezioni da parte di Case auto oltre a quelle già comunicate e dovute a decisioni non legate all’emergenza coronavirus.