Il Progetto Sciabile compie 17 anni. Offre corsi specifici per qualsiasi tipologia di disabilità

Il Progetto SciAbile nasce nel 2003 grazie alla collaborazione tra BMW e la scuola di sci Sauze d'Oulx Project con l’obiettivo di permettere a persone con varie tipologie di disabilità di avvicinarsi agli sport invernali, in particolare allo sci e allo snowboard, in maniera completamente gratuita.

Pochi giorni fa ha festeggiato i 17 anni di attività: per l'occasione non poteva mancare Alex Zanardi, attualmente impegnato nella preparazione dei giochi Paralimpici di Tokyo 2020, da sempre legato alla causa e, negli ultimi anni, brand ambassador dell'Elica.

Zanardi è l'ambasciatore del progetto

Alex Zanardi non ha voluto far mancare il suo supporto: "Qui [nella scuola di Sauze d’Oulx] le ragazze e i ragazzi che imparano a sciare con i maestri della scuola imparano una lezione fondamentale della vita: che quello che conta è lavorare sul talento residuo, che non bisogna fermarsi, pensando che i propri limiti costituiscano un muro invalicabile. Qui a Sauze, imparando a sciare, scoprono di avere delle grandi potenzialità nascoste che li possono portare a fare cose inizialmente impensabili. E da qui la loro vita riparte con uno slancio diverso. Qui i sogni diventano realtà, perché nascono dal lavoro di squadra e dall’energia unica di questo posto.”

13.000 ore di lezione a 1.370 allievi

SciAbile fa parte di SpecialMente, il programma di Corporate Social Responsibility di BMW Italia che si basa su cinque pilastri: cultura, dialogo interculturale, inclusione sociale, sicurezza stradale, sostenibilità. Ha permesso di finanziare oltre 13.000 ore di lezione di sci gratuite a 1.370 allievi con disabilità che, in questo modo, hanno avuto la possibilità di mettersi alla prova superando quelli che all'apparenza sembrano essere dei limiti invalicabili.

"Non bisogna fermarsi, pensando che i propri limiti costituiscano un muro invalicabile" Alex Zanardi

SciAbile 2020

La scuola di Sauze d’Oulx

La Scuola Sauze d'Oulx Project offre corsi specifici per qualsiasi tipologia di disabilità, raggruppabili in 3 macro aree:

  1. Fisica e motoria (es. lesioni spinali, amputati, emiplegici, paralisi cerebrale, ecc…)
  2. Sensoriale (non vedenti, ipovedenti, sordi)
  3. Intellettivo relazionale (sindrome di Down, autismo, sindromi genetiche, ecc…)

Il numero degli iscritti è in continua crescita: 33 allievi il primo anno ad oltre 200 nelle ultime stagioni. Quest'anno sono state garantite, al momento, circa 750 ore di lezione a 205 allievi, con i numeri che aumenteranno ancora considerando che la stagione finirà ad aprile. Anche le richieste sono in continua crescita, dimostrando che c'è sempre più sensibilità e maggiore attenzione all’attività sportiva come strumento educativo.

Fotogallery: SciAbile 2020