I vertici della kermesse spagnola, in programma a Barcellona dal 24 al 27 febbraio, è stato cancellato anche a causa di tante defezioni

Nonostante fino a poche ore prima l’organizzazione avesse confermato l’appuntamento, alla fine si è vista costretta ad annullare il Mobile World Congress di Barcellona, la più importante fiera al mondo dedicata alla tecnologia mobile. Una decisione arrivata a causa della paura del coronavirus, che aveva già visto arrivare numerose defezioni da parte di molti big del settore come Nokia, Amazon, Nvidia e Sony.

Una fiera che, al pari del CES di Las Vegas, negli ultimi anni aveva visto una sempre maggiore partecipazioni di Case auto, con Ford, Kia, Mercedes, Seat e Toyota, attese all’edizione del 2020. Segno di come per l'industria automotive il mondo high tech sia sempre più importante, con 5G e guida autonoma al centro degli interessi di molti.

Un danno per la città

Secondo le stime il Mobile World Congress avrebbe generato un giro d’affari di circa 500 milioni di euro, dando lavoro a 14 mila persone e accogliendo (stando ai numeri dello scorso anno) più di 100 mila tra visitatori e addetti ai lavori.

Un danno economico per Barcellona e gli organizzatori (la GSMA, associazione mondiale che raggruppa tutti i maggiori operatori del settore), che potrebbero ora dover pagare una salata multa per aver disdetto l’appuntamento. Ma la preoccupazione per la salute di tutti i partecipanti ha avuto la meglio.

Quali altri appuntamenti a rischio?

Il coronavirus continua così a stravolgere – anche – il mondo degli affari e dell’industria e il Mobile World Congress non è il primo appuntamento a saltare. Ieri infatti la FIA ha deciso di rinviare il Gran Premio di Formula 1 di Cina, in programma il prossimo 19 aprile. Cina che nello stesso mese ospiterà a Pechino il Salone dell’Auto che per ora rimane confermato ma, vista la situazione, non è escluso che possa anch’esso saltare.

È invece confermato il Salone di Ginevra (5 – 15 marzo), con gli organizzatori che hanno voluto tranquillizzare pubblico e addetti ai lavori sottolineando come in Svizzera non ci siano stati casi di contagio da coronavirus e che in fiera sia stato messo in atto un “accurato programma di pulizia, disinfezione e prevenzione nelle zone pubbliche del Centro”.

Fotogallery: BMW al MWC 2019