Le prime full electric saranno le nuove generazioni di GranTurismo e GranCabrio, in arrivo nel 2021 e assemblate a Mirafiori

Maserati ha scelto le nuove generazioni di GranTurismo e GranCabrio per dare il via alla sua trasformazione elettrica, al via a partire dal 2021. Le 2 sportive saranno infatti le prime auto a emissioni zero del Tridente, per le quali verranno stanziati 800 milioni di euro, destinati all’ammodernamento della fabbrica di Mirafiori, nella quale viene attualmente assemblata la Levante e che diventerà il cuore pulsante dell’elettrificazione Maserati ed FCA (lì verrà prodotta anche la 500 elettrica).

Modelli che, come sottolineato da Maserati stessa, saranno completamente ingegnerizzati e prodotti dalla Casa in Italia, per mantenere anche quel valore in più che il Made in Italy sa dare.

Sportive, supercar e non solo

A differenza di quanto si pensava quindi la Maserati MMXX, supersportiva anticipata lo scorso novembre e già vista – pesantemente camuffata – durante alcuni test su strada non sarà la prima elettrica del Tridente. La sua presentazione è attesa per la metà di quest’anno, ma inizialmente unicamente in versione classica con motore endotermico, per poi diventare successivamente anche a emissioni zero. La sua casa non sarà però Mirafiori ma lo stabilimento di Modena.

Fotogallery: MMXX, tutto quello che sappiamo della nuova Maserati

Tuttavia il primo passo nel mondo dell’elettrificazione da parte di Maserati verrà mosso già quest’anno con l’inedita versione ibrida plug-in della Ghibli, attesa al debutto al prossimo Salone di Pechino.

Arriva anche il SUV medio

La corsa all’elettrificazione di Maserati lascerà naturalmente spazio anche a modelli tradizionali, destinati ad ampliare la gamma della Casa con l’introduzione di un SUV medio, con dimensioni ridotte rispetto alla Levante.

Un modello già anticipato tempo fa e ancora avvolto dal mistero, la cui linea produttiva –per la quale sono stati stanziati altri 800 milioni di euro – verrà realizzata nella fabbrica di Cassino, dove nascono le Giulia e Stelvio. Proprio da loro il nuovo SUV Maserati, in arrivo in versione pre serie entro il 2021, potrebbe ereditare la piattaforma a trazione posteriore e integrale Giorgio.