Le prime consegne sono previste entro la fine del 2020 e intanto fremono i preparativi per la festa dei 90 anni del marchio

Il 2020 per Pininfarina segna i festeggiamenti per i 90 anni del brand. Festeggiamenti iniziati a fine 2019 con la presentazione del nuovo logo e avranno il proprio culmine con le prime consegne della Pininfarina Battista, l’hypercar 100% elettrica presentata per la prima volta al Salone di Ginevra 2019 e pronta a mostrarsi nuovamente alla kermesse elvetica di quest’anno in versione definitiva.

Nel frattempo l’azienda ha iniziato i primi test dinamici dell’auto con l’ex Formula 1 Nick Heidfeld come pilota collaudatore. Un iter che sta già dando i suoi primi frutti, confermando le aspettative degli ingegneri.

La più potente di sempre

“I muletti equipaggiati con i concept di telaio e propulsore della Battista hanno già raggiunto l’80% delle prestazioni potenziali senza alcun problema. Significa che le nostre performance EV sono già equivalenti all’hypercarcon motore a combustione più potente al mondo” ha commentato René  Wollmann, responsabile del reparto Sportscar di Automobili Pininfarina.

Fotogallery: Pininfarina Battista, iniziano i test in strada

I primi passi su strade aperte al pubblico sono quindi stati fatti e nei prossimi mesi la Pininfarina Battista verrà sottoposta a collaudi e prove di tutti i tipi – e in varie condizioni climatiche – per mettere a dura prova i suoi componenti e assicurarsi che tutto funzioni a dovere. Prove che sono già state effettuate in galleria del vento, dove il pacchetto aerodinamico è stato perfezionato permettendo di aumentare l’autonomia originale (circa 500 km).

A fine anno

Tutto procede come da programma, con le prime consegne della Pininfarina Battista previste entro la fine del 2020. Consegne che avverranno presso la sede di Cambiano (Torino), dove l’hypercar elettrica italiana viene realizzata in maniera artigianale e a mano da tecnici specializzati.