Trovato positivo un dipendente della fabbrica di Nichelino, partiti gli accertamenti

Nessun allarmismo, ma attività ferme per precauzione. Lo ha deciso Italdesign dopo che un dipendente dello stabilimento torinese di Nichelino ha contratto il Coronavirus.

L’azienda, che fa parte del Gruppo Volkswagen e si occupa di progettazione, ha annunciato perciò di voler chiedere "gli stabilimenti italiani, compresa la sede principale di Moncalieri, a partire da oggi lunedì 24 febbraio".

Il contagio nel lodigiano

Secondo quanto riferisce La Repubblica, l’uomo risiede a Cumiana (Torino) e sarebbe entrato in contatto con alcuni dei contagiati del lodigiano, la zona italiana al momento più colpita dal Coronavirus. Anche la moglie avrebbe contratto il virus.

"Stiamo cercando di identificare tutte le persone che sono entrate in contatto con il collega negli scorsi giorni - si legge in un comunicato  -. La salute delle nostre persone e la protezione della popolazione sono la nostra principale priorità. Per questo stiamo monitorando attentamente la situazione e siamo in contatto con le autorità per gestire la situazione".

Fotogallery: Italdesign Zerouno