Meno presenze nei concessionari e per marzo si attendono numeri peggiori. Intanto vanno bene le vendite di elettriche e piccoli SUV

Il Coronavirus ha iniziato ad avere ricadute anche sul mercato auto italiano. A febbraio le immatricolazioni sono calate dell'8,8% rispetto all'anno scorso (le auto targate sono state 162.793) e, se il dato va inquadrato in un contesto già negativo (a gennaio -5,9%), è pur vero che nelle ultime due settimane c'è stato un calo di presenze nelle concessionarie del Nord Italia. La situazione attuale - legata alle misure per contenere il contagio - probabilmente rallenterà gli acquisti di nuove auto in tutta la Penisola e le ricadute più significative si attendono per il mese di marzo.

In questo scenario continuano ad aumentare le vendite di auto elettriche e ibride, trainate dagli Ecobonus 2020, mentre calano le immatricolazioni delle diesel (-30%); un crollo che si registra anche in Europa. Parlando invece di carrozzerie, vanno bene i SUV di piccole dimensioni (+11%), in particolare la Fiat 500X e la Jeep Renegade. Riportiamo di seguito tutti i dettagli.

Auto ricaricabili in ascesa

A febbraio le auto che hanno registrato la crescita più significativa sono quelle ricaricabili, non solo le elettriche (che hanno raggiunto l’1,6% di quota) ma anche le ibride plug-in (+351,5% e 0,7% di quota); insieme rappresentano il 2,3% dell’immatricolato.

Le diesel proseguono la discesa (dovuta in gran parte alle politiche di blocco del traffico, anche se ci sono alcune diesel che possono comunque circolare, qui la lista); la quota di mercato si è attestata al 34,5%, pari a quasi undici punti percentuali in meno rispetto a febbraio dello scorso anno.

Le vetture a benzina sono calate del 3% e quelle ad alimentazione alternativa sono invece salite del 51,5%. Le auto GPL sono scese dell’11%, ma quelle a metano (in cui ancora crede il Gruppo Volkswagen, ecco qui perché) hanno registrato un aumento dell’81%.

Chi scende e chi sale in Italia a febbraio

Analizzando le performance delle case auto, FCA a febbraio ha perso il 6,9%, con Fiat e Lancia comunque in positivo (+4,4% e +2,18%), ricordiamo che anche questo mese le Fiat Panda e Lancia Ypsilon sono state tra le auto più vendute. Negativi invece gli altri marchi: -19,57% Alfa Romeo, che oggi ha presentato la nuova Giulia GTA; -40,31% Jeep.

Positivo il Gruppo Volkswagen (+4,42%), con tutti i brand in crescita; così come Kia (+10,71%), Porsche (+83,82%) e Tesla, che ha registrato un +168,75% (che attesta la salita delle elettriche, nel caso di Tesla ricordiamo che la Model 3 è stata la terza auto più venduta in Europa a dicembre). Negativi il Gruppo PSA (-12,65%); Renault (-11,52%); Ford (-6,12%); Toyota (-8%); BMW (-10,28%) e Daimler (-31,66%).