La prima volta si è visto su un concept chiamato Garmisch, andato perduto dopo la presentazione nel 1970

Qualcuno, guardando la Concept 4 e la Concept i4 di BMW nella parte frontale, potrebbe provare una sensazione di déjà vu. E nel reparto auto storiche di BMW c'è la conferma che non ci si sbaglia: una replica della Garmisch del 1970.

Guardando il frontale, è automatico che salti all'occhio il doppio rene sproporzionato, per cui oggi i fan del marchio si entusiasmano. Quindi, l'ispirazione che ha portato a questa enorme griglia anteriore potrebbe rifarsi a un design di ben 50 anni fa.

Un concept Bertone perduto

La BMW Garmisch - all'epoca conosciuta anche come 2002ti Garmisch - in questione è una replica presentata per la prima volta al Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2019. La concept car originale era stata disegnata da Marcello Gandini per Bertone, per poi sparire senza lasciare traccia dopo la sua presentazione al Salone di Ginevra nel 1970.

BMW Garmisch Concept
BMW Garmisch Concept

"Per me, Marcello Gandini è uno dei più grandi maestri del design automobilistico e i suoi progetti sono sempre stati un'importante fonte d'ispirazione per il mio lavoro" ha dichiarato Adrian van Hooydonk, Vice Presidente del BMW Group Design 2019. La BMW Garmisch lo ha affascinato fin da quando ha scoperto una foto sbiadita dell'auto qualche anno fa.

Ed ecco che si vede il risultato: guardandole vicino, la BMW i4 Concept e la Garmisch condividono una griglia dal design sproporzionatamente grande, oltre che molto estesa in verticale verso il basso.

Come molte altre concept car italiane degli anni '60 e '70, la BMW Garmisch è stata sviluppata da Bertone come proposta di design indipendente per dimostrare il potenziale creativo del brand. "L'idea originale è nata dallo stesso Nuccio Bertone, che ha voluto consolidare e ampliare il nostro rapporto con BMW grazie a un sorprendente prototipo di design al Salone di Ginevra" ricorda Marcello Gandini, che all'epoca dirigeva lo studio di Bertone.

Fotogallery: BMW Garmisch Concept

"Volevamo sviluppare una coupé di media cilindrata che fosse fedele alla linea stilistica di BMW da un lato, ma dall'altro anche più dinamica e persino un po' provocante" continua Gandini.

Atipica ma non eccessiva

Mentre le fiancate della vettura sembravano molto ordinate e levigate, la BMW Garmisch ha attirato l'attenzione con la sua calandra audace, squadrata e posizionata verticalmente tra i fari rettangolari e vetrati.

Altri dettagli inusuali sono stati le prese d'aria sui montanti C, che le davano un tocco più sportivo, e la visiera parasole a nido d'ape sul lunotto posteriore, un elemento stilistico tipico di Marcello Gandini.

BMW Garmisch Concept
BMW Garmisch Concept

Gli intenditori della storia del Marchio probabilmente noteranno subito l'influenza sulla prima generazione della Serie 5 (E12) del 1972, che però utilizza lo stile dei fari preso dalla BMW 2500/2800, opera dell'ex designer Mercedes Paul Bracq.

Dettagli commemorativi sul Concept i4

Guardando il doppio rene XXL dei modelli della Serie 4, si ritrova un'interessante dettaglio della E12: dopo l'aggiornamento del modello nell'agosto 1976, il doppio rene si posiziona al fondo di una bombatura al centro del cofano.

Sarà una cosa simile con le prossime Serie 4 e i4, dove però il rigonfiamento doppio, partendo dall'estremità di ciascun rene, mentre il logo BMW si troverà nella "valle" in mezzo alle due bombature.

Fotogallery: BMW Concept i4