L’organizzazione va avanti nonostante l’emergenza Coronavirus, ma solo il 15 maggio sapremo se l’evento si terrà a giugno

Mancano 3 mesi all’apertura della prima edizione del Milano Monza Motor Show (18 – 21 giugno), il salone dell’auto all’aperto nato al posto del Parco Valentino di Torino, e la macchina organizzativa è avviata da tempo. In questo periodo però non si possono non fare i conti con l’emergenza Coronavirus che continua a cancellare (o rimandare) appuntamenti di tutti i tipi.

È successo al Salone di Ginevra (cancellato), mentre New York e Pechino sono stati rimandati. Anche numerosi avvenimenti sportivi sono stati cancellati o spostati a data da destinarsi. E cosa accadrà all’appuntamento brianzolo? Per ora è tutto confermato, ma la decisione definitiva verrà presa più avanti.

Pronto in un mese

L’organizzazione del Milano Monza Motor Show ha infatti fatto sapere che l’intenzione è quella di tenere regolarmente l’appuntamento, chiaramente compatibilmente con le indicazioni da parte del Governo. Per questo motivo la luce verde definitiva verrà accesa solo il prossimo 15 maggio, quando sapremo se le date 18 – 21 giugno 2020 saranno rispettate o meno. O se si rimanderà all’autunno.

I vertici del salone fanno sapere che, nel caso di conferma, tutte le strutture previste nel parco di Monza e in alcune zone di Milano saranno pronte per tempo grazie a una semplificazione del format, decisa assieme alle Case che prenderanno parte all’evento. Ancora non sappiamo cosa ciò voglia dire e le risposte arriveranno solo tra un mese.

Un segnale per l’Italia

“Crediamo che la conferma della nostra manifestazione rappresenterà un segnale importante di ripartenza economica e sociale” ha dichiarato l’organizzazione. Una manifestazione che – come da nome – toccherà le città di Milano e Monza, con l’autodromo come centro nevralgico di gran parte delle attività, da sessioni in pista di supercar ed hypercar all’esibizione dei più recenti modelli dei vari brand.

Fotogallery: Milano Monza Open-Air Motor Show