Il servizio è stato attivato dalla Asl Roma 1 presso il complesso di Santa Maria della Pietà. Ma è solo su chiamata

È stato inaugurato in questi giorni il servizio 'drive-in' alla Asl Roma 1 attivo presso il complesso di Santa Maria della Pietà (ecco le coordinate Google Maps), zona Roma Nord, che permette di effettuare il tampone nasofaringeo per la diagnosi del Coronavirus direttamente a bordo della propria auto senza scendere.

Il sistema in stile McDrive è stato inizialmente sperimentato in Corea del Sud e, nelle settimane successive, in Europa (Germania) e alcune Regioni d'Italia (Toscana, Campania e Emilia Romagna). Arriva ora nella Capitale e, secondo Enrico Di Rosa, direttore del servizio igiene e sanità pubblica dell'Asl Roma 1, "permetterà di ottimizzare l'utilizzo delle risorse umane e dei dispositivi di protezione, consentendo inoltre di aumentare di molto la nostra capacità produttiva".

Chi può fare il tampone in auto

Il tampone "drive-in" può essere fatto solamente su chiamata del Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), quindi non bisogna presentarsi sul posto senza prima aver fatto richiesta (non saranno effettuati tamponi su chi non è in lista).

La chiamata del SISP parte dopo che il paziente è stato valutato telefonicamente da un medico che, dopo una prima diagnosi, decide se è il caso di procedere con il tampone oppure no.

Perché si fanno in macchina

"Abbiamo iniziato questo servizio per l'effettuazione dei tamponi con modalità cosiddetta drive-in, cioè le persone da noi selezionate ed invitate vengono qui direttamente con la loro auto e senza scendere gli viene effettuato direttamente il tampone - continua Di Rosa -, fino a ora abbiamo fatto complessivamente circa 300 tamponi. La modalità può essere utilizzata per fare i tamponi al personale sanitario a rischio, che prima di essere rimesso in servizio viene valutato anche dal punto di vista microbiologico".