Inoltre il ricavato delle vendite sullo shop online andrà al progetto AiutiAMObrescia, per sostenere la città con materiale sanitario

Tutti conosciamo la 1000 Miglia ma forse non tutti sanno che la "Vittoria Alata" nello stemma della gara è anche il simbolo della città di Brescia, anch'essa colpita dal Coronavirus, che ha anche fatto slittare l'evento ad ottobre (da giovedì 22 a domenica 25). E' così che per l'edizione 2020 il logo prende le sembianze di tutti i medici e gli infermieri impegnati nella lotta contro il virus.

Inoltre, il Consiglio di Amministrazione della 1000 Miglia ha confermato di voler donare tutti i ricavati del merchandising - in vendita su MilleMigliaShop.com - al progetto AiutiAMObrescia: l'obiettivo di questa iniziativa è supportare la città con l'acquisto di materiale sanitario per l'ospedale e il Comune.

La raccolta fondi

"Il perdurare dell’emergenza richiede nuovi sforzi da parte di tutti noi - dice  Franco Gussalli Beretta, presidente di Mille Miglia srl - ed è nostro preciso dovere adoperarci affinché ognuno possa contribuire per la sua parte. Anche chi segue da lontano la corsa con affetto e solitamente vive Brescia nelle festose giornate dell'evento, ci può sostenere in questa iniziativa e far sì che tutti insieme possiamo aiutare a compiere un passo verso la soluzione".

La raccolta fondi di questo progetto ha ricevuto oltre 50.000 donazioni, utili all'acquisto e alla consegna di materiale sanitario alle strutture ospedaliere e ai comuni.

Molti modi per contribuire

Come vi abbiamo raccontato in questi giorni, molte case auto stanno facendo il possibile per dare una mano: ad esempio, FCA Bank ha donato un milione di euro alla CRI, Skoda sta producendo mascherine mentre Seat fabbrica i respiratori. E così molti altri costruttori in tutto il mondo (qui vi spieghiamo come).

Per chi volesse donare invece ricordiamo che si può fare direttamente alla Croce Rossa attraverso il sito CrowdForLife.it, mentre in questo articolo vi spieghiamo come donare a ospedali e Protezione Civile.