Alcuni passanti e una telecamera di sicurezza hanno filmato l'impatto e le condizioni dell'auto

In quello che è un incidente alquanto bizzarro, il conducente di una rarissima Gemballa Mirage GT - una versione speciale della Porsche Carrera GT - sfreccia per le strade vuote di Manhattan quando, a un certo punto, perde il controllo e si schianta contro diversi veicoli.

Nonostante il forte impatto, l'auto ha continuato ad andare avanti. Molte persone sulla scena ha postato sui social foto e video dell'incidente, addirittura una telecamera di sicurezza ha ripreso il colpo contro un furgone parcheggiato. L'auto si è fermata vicino a un incrocio, dove la polizia è intervenuta prendendo in custodia il conducente. Il tutto in pieno lockdown per il Coronavirus.

Quasi distrutta

Non è chiaro quale sia l'identità del guidatore, ma è confermato che alla guida ci fosse l'effettivo proprietario dell'auto: in un primo momento i telegiornali hanno ipotizzato che la Gemballa Mirage GT fosse stata rubata.

 

In base all'entità del danno, questa Gemballa avrà bisogno di un'enorme mole di lavoro per essere riparata. Il parafango anteriore destro è praticamente scomparso, lasciando esposta tutta la meccanica delle sospensioni. Il liquido refrigerante fuoriesce da sotto all'auto e il parabrezza è completamente in frantumi.

 

La situazione è relativamente meno grave al posteriore, ancora riconoscibile nelle forme. Ciononostante, manca una parte del paraurti e entrambe le ruote sono estremamente piegate, quindi molto probabilmente il gruppo sospensioni è andato distrutto.

 

Una rarità su ruote

La Porsche Carrera GT standard è già un'auto rara, ma delle Gemballa ne esistono davvero pochissimi esemplari al mondo. Ci sono state varie edizioni speciali dell'auto nel tempo, tra cui anche una versione biturbo del V10 da 5,7 litri, ma di solito il motore veniva lasciato aspirato con potenza aumentata a 660 CV (contro i 610 CV di serie).

Indagini aperte

Le cause dell'incidente non sono ancora state chiarite del tutto. Nei prossimi giorni, quindi, potremmo trovare in rete nuovi sviluppi sul perché qualcuno abbia guidato un'auto del genere a Manhattan come se fosse in un videogioco.