L’app di navigazione social mette a disposizione il suo database per tamponi in drive through o ritiro di cibo nei pickup point

Per uscire dalla crisi dovuta al Coronavirus e passare alla cosiddetta "fase 2", in questi giorni le istituzioni stanno valutando come un’app di geolocalizzazione dei contagi possa aiutarci ad attuare una progressiva riapertura dopo il lockdown

Abbiamo già dimestichezza con applicazioni che utilizziamo abitualmente sul telefono per pianificare i nostri spostamenti e che -  attraverso i loro database - ci mostrano una fotografia di come sia cambiata la mobilità dall’inizio della pandemia. 

La situazione a livello globale

Cliccando si questa analisi di come e quanto si stanno muovendo gli italiani durante la pandemia potete farvi un’idea sui flussi relativi al nostro territorio, mentre attraverso la seguente indagine di Waze ci si può rendere conto dei cambiamenti della mobilità a livello mondiale.

In tutto il pianeta, gli utenti Waze stanno percorrendo il 60% di chilometri in meno rispetto alla media giornaliera relativa al periodo compreso tra l’11 e il 25 febbraio. Oltre all’Italia, l’analisi ha interessato Paesi in cui l’epidemia di Covid-19 ha colpito di più: Spagna, USA, Francia e Malesia.

Waze, fase 2 Coronavirus

Trovare su Waze centri medici e alimentari

In previsione della creazione, in alcuni Stati, di luoghi dedicati alla realizzazione di test medici in automobile - soprattutto tamponi in modalità drive through - così come di specifici centri di distribuzione alimentare (pickup point per ridurre le situazioni di contatto multiplo dei generi alimentari), Waze ha creato una pagina web dove le istituzioni di tutto il mondo possono fornire informazioni per aggiornare e migliorare le mappe utilizzate dagli utenti a questo scopo. 

Waze, fase 2 Coronavirus

Il link della pagina web

Al momento in Italia il link non è ancora disponibile perché non conforme alle attuali azioni intraprese dal Governo. Negli Stati Uniti, a titolo di esempio, dalla collaborazione con WhyHunger e No Kid Hungry sono stati aggiunti sulle mappe oltre 30.000 punti di distribuzione di generi alimentari.

Waze, fase 2 Coronavirus

Fotogallery: Waze, fase 2 Coronavirus