Come si fa a far andare più veloce un'auto che è già un fulmine? Ce lo spiega Rob Melville nel terzo episodio di #McLarenTechClub

Non ci sono dubbi sul fatto che pochissime persone, dopo aver guidato una McLaren 720S, scenderebbero dall'auto dicendo che questa non "spinga" abbastanza. A Woking, però, c'è qualcuno sicuro del fatto che ci sia ancora del potenziale da esplorare ed ecco quindi la 765LT

Questa sigla rievoca le versioni a "coda lunga" della McLaren F1 Anni '90, ma, come si può ben vedere, oggi le auto contraddistinte da queste lettere hanno le stesse dimensioni del modello da cui derivano. Secondo Rob Melville, il capo del design del progetto che ce la racconta in video, il badge LT è un riferimento a componenti più leggere, aerodinamica migliorata e maggiore potenza. 

Dettagli che fanno la differenza

La prima caratteristica chiave che Melville sottolinea è il nuovo profilo aerodinamico del frontale. Grazie ad uno splitter anteriore più esteso è possibile ottenere maggiore deportanza e garantire più grip

Questa parte, inoltre, presenta più appendici aerodinamiche, che non solo aumentano il carico, ma migliorano la resistenza all'avanzamento dell'intera auto. Tra i miglioramenti è impossibile non notare gli sfoghi dell'aria sopra le ruote. Oltre a donare un look racing all'estetica, scaricano la pressione che si genera all'interno dei passaruota anteriori, rendendo l'auto più stabile alle alte velocità.

Le altre chicche

Se è vero che sono cambiate un po' di cose è anche vero che alcuni elementi sono rimasti invariati. La sportiva ha ancora gli stessi fari che assolvono anche la funzione di presa d'aria per i radiatori anteriori. Anche il profilo delle portiere integra le prese d'aria per l'alimentazione come sulla 720S.

Fotogallery: McLaren 765LT

Alla stregua degli altri modelli LT anche la riduzione del peso è stata una delle priorità. Oltre a tutti i pannelli della carrozzeria realizzati in fibra di carbonio, il vetro posteriore dell'auto è ora in policarbonato.

Nuova voce

L'ultima grande innovazione vista sulla nuova LT è il sistema di scarico. A differenza di quello sulla 720S qui ci sono quattro uscite ed è interamente realizzato in titanio. Apparentemente è anche il primo sistema in titanio completo che McLaren abbia mai realizzato.

2021 McLaren 765LT

Nonostante questa ricetta possa far pensare ad una rivale della Senna, è improbabile quest'auto riesca a impensierire l'hypercar più veloce in circolazione. Detto questo, la 765LT sarà senza dubbio la rivale da battere per le principali concorrenti nel mondo delle supercar stradali.

2021 McLaren 765LT

Si conclude così un altro appuntamento del McLaren Tech Club, serie virtuale dedicata agli appassionati di tutto il mondo, dopo gli episodi su Senna ed Elva.