Tra le più importanti mascherina obbligatoria, distanziamento interpersonale, ingressi contingentati e flussi separati

Mancano pochi giorni al 4 maggio e all'inizio della Fase 2: a piccoli passi stiamo riconquistando la libertà ma non bisogna lasciarsi prendere dalla foga e rispettare semplici ma importantissime regole per salvaguardare la nostra salute e quella degli altri. Abbiamo già parlato delle mascherine obbligatorie in auto e ora facciamo chiarezza sul trasporto pubblico, in particolare sui comportamenti da seguire in caso si prendano autobus, metro o treni.

È bene ricordare che anche nella Fase 2 si potrà uscire di casa solo per i motivi giustificati dall'autocertificazione che presto sarà disponibile sul sito del Governo insieme al testo del Dpcm del 26 aprile 2020 e a tutte le informazioni generali.

Le regole generali

Il sistema trasporti deve completamente essere ridimensionato. Dimentichiamoci delle ore di punta con centinaia di persone ad aspettare i mezzi pubblici perché (forse) non si potrà più tornare alla normalità frenetica che conoscevamo prima. Serve uno sforzo da parte di tutti, del sistema in primis che deve adeguarsi alle nuove direttive aumentando le corse e prevedendo un efficiente sistema di igienizzazione, e dei passeggeri che, se non possono spostarsi in auto, in bici o con un altro mezzo privato, sono costretti a prendere i mezzi pubblici sottostando a queste regole.

  • Accessi contingentati alle stazioni, aeroporti e porti al fine di evitare affollamenti e ogni possibile occasione di contatto.
  • Predisposizione di piani operativi per differenziare i flussi di salita e discesa da un mezzo di trasporto e limitare gli spostamenti all'interno delle stazioni, aeroporti e porti nonché nelle aree di sosta dei passeggeri e di attesa del mezzo di trasporto.
  • Trasporto aereo: mascherina obbligatoria per i passeggeri.
  • TPL, trasporto ferroviario, trasporto non di linea, trasporto marittimo e portuale: mascherina obbligatoria per i passeggeri, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca.
  • Obbligo di distanziamento interpersonale di un metro a bordo dei mezzi di trasporti, nelle
    stazioni, aeroporti e porti e in tutti i luoghi di transito e sosta dei passeggeri.
  • Sistematica sanificazione e igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro utilizzati da viaggiatori e/o lavoratori secondo le modalità definite del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità.
  • Installazione di dispenser di soluzioni disinfettanti nelle stazioni, negli aeroporti, nei porti e
    sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza.
  • Incentivare la vendita di biglietti con sistemi telematici. Diversamente, dovrà essere effettuata in modo da assicurare la distanza interpersonale di almeno un metro e laddove questo non fosse possibile, i passeggeri dovranno necessariamente fornirsi di apposite protezioni individuali (es. mascherine).
  • Predisposizione di punti vendita, anche mediante distributori, di dispositivi di sicurezza nelle stazioni o nei luoghi di vendita dei biglietti.
  • Previsione di misure per la gestione dei passeggeri e degli operatori in caso di accertata temperatura corporea superiore dei 37,5℃.
  • Adozione di sistemi di informazione e divulgazione per il corretto uso dei dispositivi di protezione individuale nonché sui comportamenti da tenere negli spazi comuni e nei luoghi di transito dell’utenza.

Le linee guida per autobus e metro

  • Flussi separati di salita e discesa dei passeggeri con tempi di attesa del mezzo di trasporto idonei ad evitare contatti attraverso anche aperture differenziate delle porte.
  • Applicazione di marker sui sedili non utilizzabili a bordo dei mezzi di superficie e dei treni metro.
  • Aumento della frequenza dei mezzi nelle ore considerate ad alto flusso di passeggeri.
  • Portata ridotta dei mezzi con numero massimo di passeggeri per consentire il rispetto della distanza di un metro. Ove necessario, il conducente potrà decidere di non effettuare alcune fermate.
  • Apparati di videosorveglianza e/o telecamere intelligenti per monitorare i flussi ed evitare assembramenti.
  • Sospensione della vendita e del controllo dei titoli di viaggio a bordo.

Le linee guida per i treni a medio/lungo raggio

  • Limitazione dell’utilizzo delle sale di attesa.
  • Controlli di temperatura corporea ai gate.
  • Eliminazione della temporizzazione di chiusura delle porte esterne alle fermate al fine di facilitare il ricambio dell’aria all’interno delle carrozze ferroviarie.
  • Potenziamento del personale dedito ai servizi di igiene e decoro a bordo treno.
  • Distanziamento sociale a bordo assicurato attraverso un meccanismo di prenotazione a "scacchiera” sui treni a lunga percorrenza (con prenotazione online).
  • Applicazione di marker sui sedili non utilizzabili.
  • Adozione del biglietto nominativo al fine di identificare tutti i passeggeri e gestire eventuali casi di presenza a bordo di sospetti o conclamati casi di positività al virus.
  • Sospensione dei servizi di ristorazione a bordo (welcome drink, bar, ristorante e servizi al posto).