È accaduto col mercato bloccato dal Coronavirus e la Renault Zoe che macina immatricolazioni

Nello scorso mese di aprile le vendite di auto in Italia si sono ridotte fin quasi al punto di sparire, con 4.279 immatricolazioni che rappresentano un -97,5% rispetto ad aprile 2019.

In un mercato praticamente fermo a causa del lockdown da Coronavirus che ha chiuso fabbriche e concessionarie ci sono però delle dinamiche piuttosto anomale che incidono sulle classifiche mensili. Il dato più eclatante è quello delle auto più vendute del mese, graduatoria che per la prima volta vede al secondo posto un’auto elettrica, la Renault Zoe.

La prima volta di un'elettrica sul podio

Non era mai successo prima che una vettura e zero emissioni salisse sul podio delle vendite mensili, ma neppure che si avvicinasse alla Top 10.

L’unica elettrica che era arrivata ad affacciarsi nella Top 25 mensile italiana era stata fino ad ora solo la Tesla Model 3 a marzo 2020, ma con la sua seconda posizione assoluta la Renault Zoe (qui la prova su strada) ha stabilito un record difficilmente battibile col ritorno alla normalità della Fase 2. Ma come si spiega un'impresa di questo genere per la Zoe? Cerchiamo di capirlo assieme.

La Zoe si conferma, le altre crollano

Al momento non sappiamo se la Renault Zoe ha messo a segno proprio ad aprile 2020 un buon numero di immatricolazioni per flotte aziendali, ma certo è che a differenza di tutti gli altri ha mantenuto quasi invariati i livelli di vendita. La stessa Renault spiega il risultato a sorpresa con le nuove immatricolazioni di Zoe destinate alla rete di concessionarie come auto sostitutive. La casa francese si è in pratica preparata alla riapertura dotando la rete vendita e assistenza di vetture gratuite per i clienti che hanno la propria in manutenzione, uno dei nuovi servizi previsti per la Fase 2.

Fotogallery: 2019 Renault ZOE

In pratica la Zoe è rimasta ancorata alle vendite degli ultimi mesi "normali", con 366 immatricolazioni ad aprile contro le 387 di febbraio 2020, ultimo dato pre lockdown, o ad esempio le 389 unità di aprile 2019. Tutti gli altri modelli hanno invece subito pesantemente la crisi da Covid-19 e quasi azzerato le vendite, facendo scalare la classifica alla francese a batteria.

Le elettriche Tesla limitano i danni

Sempre in tema di auto elettriche occorre sottolineare che l'unico marchio a subire un calo inferiore alla media è Tesla che segna un -50,24% con l'intera gamma e un -40,9% con la sola Model 3 (88 unità).

In compagnia di Panda e Compass

Rispetto allo stesso mese del 2019 la Renault Zoe è quindi riuscita ad aprile a contenere le perdite al –8,0%, mentre la Fiat Panda che resta ancora prima in classifica con 471 immatricolazioni e un crollo al -96,5%.

Fiat Panda Hybrid
Jeep Compass

Allo stesso modo anomala, ma in maniera meno spettacolare, è la terza posizione in classifica della Jeep Compass che ottiene il suo miglior risultato di classifica con numeri esigui (214 immatricolazioni) e un –92%. Tutte le altre sopravvissute alla "tempesta perfetta" chiamata lockdown le trovate nella classifica completa qui sotto.

Top 10 Italia aprile 2020

Modello Immatricolazioni Variazione rispetto ad aprile 2019
Fiat Panda 471 -96,5%
Renault Zoe 366 -8,0%
Jeep Compass 214 -92,0%
Jeep Renegade 176 -95,1%
Fiat 500X 162 -95,5%
Opel Corsa 139 -95,3%
Peugeot 208 130 -95,2%
Citroen C3 121 -96,8%
Fiat Tipo 120 -97,0%
Peugeot 3008 117 -95,4%