Una micro-perforazione causata dalla corrosione metterebbe a rischio l'intera struttura. Il problema coinvolge l'intera gamma

La National Highway Traffic Safety Administration, agenzia governativa statunitense facente parte del Dipartimento dei Trasporti, ha segnalato a McLaren un grave difetto di costruzione nel serbatoio che metterebbe a rischio il funzionamento di ben 2.763 supercar prodotte dal 2016 al 2020. La Casa ha già avviato indagini interne invitando i clienti a recarsi in concessionaria per verificare le condizioni delle componenti potenzialmente a rischio.

Tra queste rientra gran parte della gamma attuale della casa britannica: si va dalla categoria Sport Series che comprende 570GT, 540C, 570S, 570S Spider, 600LT e 600LT Spider, alle 720S e Senna della Ultimate Series.

Serbatoio a rischio corrosione

Il difetto consiste in una micro-perforazione del serbatoio di benzina che viene realizzato in metallo. Le indagini sarebbero partite lo scorso 14 gennaio a seguito della segnalazione da parte di un'officina specializzata in Lettonia che si è trovata a sostituire il serbatoio di una 570GT con il proprietario che lamentava un forte odore di benzina in abitacolo.

La causa sembrerebbe da attribuire ad un pezzo in alluminio schiumato all'esterno del serbatoio che serve ad assorbire le vibrazioni in movimento che, a causa dell'umidità e del sale rilasciato d'inverno sulla strada, accelererebbe il processo di corrosione del metallo del serbatoio portandolo alla rottura.

Fotogallery: McLaren 765LT