Ci saranno precise indicazioni da seguire e gli esami pratici auto verranno svolti in aree recintate col solo candidato a bordo

Con il 18 maggio la Fase 2 dell’emergenza coronavirus entra in un nuovo ciclo, con numerose riaperture da bar a ristoranti passando per le scuole guida. Si potranno così finalmente sostenere nuovamente esami teorici e pratici per conseguire la patente, oltre che lezioni.

Una ripresa delle attività limitata alle sole patenti A e B, che dovrà naturalmente sottostare ad alcune regole elencate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Scuola guida, gli esami di teoria

Il Ministero specifica come gli esami di teoria che si svolgeranno nei locali della Motorizzazione dovranno obbligatoriamente seguire le indicazioni:

  • Limitare il coefficiente di riempimento delle aule;
  • Installare, ove possibile, schermi parafiato in plexiglass su tre lati delle postazioni d’esame;
  • Igienizzazione tra ciascun turno d’esame e l’altro;
  • Differenziare ingresso ed uscita dall’aula e dall’edificio;
  • Privilegiare aggregazione in unico turno e unica aula dei candidati della stessa autoscuola o dello stesso gruppo di autoscuole;
  • Comunicare l’esito d’esame solamente per via telematica;
  • Pubblicare in home page del Portale dell’Automobilista il video solitamente proiettato prima dell’inizio della prova d’esame.

Azioni volte a minimizzare contagi tra candidati e operatori e che, per questo motivo, permetteranno di svolgere gli esami di teoria “presso le sedi degli operatori professionali”, vale a dire nei locali delle scuole guida, utilizzando schede cartacee con quiz generati automaticamente dal sistema informatico del Dipartimento.

Scuola guida, gli esami di pratica

Novità importanti anche per gli esami di pratica – ricordiamo solo per patenti A e B – che richiederanno numerose azioni per evitare il contagio tra esaminandi:

  • Identificazione dei candidati in area esterna aperta;
  • Rispetto del distanziamento sociale. Tutti i presenti saranno sistemati a distanza di sicurezza e saranno dotati di mascherina e guanti;
  • Svolgere varie fasi evitando inutili assembramenti.
  • Misurazione della temperatura corporea dei candidati prima delle prove è facoltativa.

Al di là delle misure da seguire prima e dopo l’esame, il cambiamento più importante riguarderà lo svolgimento dell’esame per la patente B, che diventerà in parte simile a quello per la patente A, che non subirà invece stravolgimenti.

Nel veicolo sarà infatti presente il solo esaminando, con istruttore ed esaminatore all’esterno e si svolgerà all’interno di un’aerea attrezzata e recintata. Durante la prova in strada invece, con candidato, istruttore ed esaminatore assieme, questi dovranno indossare guanti, mascherina monouso e occhiali protettivi o visiera. L’esame durerà al massimo 25 minuti, di cui 15 in strada e al termine l’autoscuola dovrà pulire tutti gli oggetti condivisi e areare l’abitacolo per almeno 5 minuti.