L’amico pilota che tutti vorremo avere. Campione vero (vedi TCR con Seat-Cupra), empatico sia con gli allievi (vedi Youtester) che con le auto… e anche sulla Saleen S7R ne ha da raccontare!

Strana razza sono i piloti. Schivi, calcolatori, scaramantici e meticolosi, tutte caratteristiche che abbiamo imparato a conoscere (conoscendoli, scusate il gioco di parole) nel tempo.

Poi, abbiamo incontrato Salvatore Tavano e tutto quello che pensavamo di sapere sui piloti professionisti ha cambiato faccia, grazie a questo siciliano doc che, dalle auto da corsa e dalle persone, riesce sempre a tirare fuori il meglio, grazie al piede giusto e a una genuina euforia che si trasforma subito in stima incondizionata.

Eppure, leggendo il suo curriculum, quasi si farebbe fatica a dargli del “tu”, vista la varietà di esperienze e vittorie che contraddistinguono il suo palmares.

Salvatore, 40 anni compiuti da poco, parte giovanissimo sui kart (argomento su cui torneremo nel video) per passare in breve tempo al Campionato Italiano di Formula 3, che lo vede quarto nel 1998 e terzo nel 1999, mentre è nel 2001 che si impone a Zolder con la sua Formula 3000, un’annata che lo vedrà chiudere la stagione in quarta posizione.

È poi il momento delle ruote coperte, e qui le sue esperienze si evolveranno in fretta grazie al Campionato Europeo Turismo, prima con Honda poi, passando al Mondiale, anche con Alfa Romeo dove nel 2006 corre con una 156 della N Technology nel WTCC.

Una parentesi breve ma intensa, Tavano la vive al volante di una formidabile Saleen S7R nel 2007, durante una tappa della Le Mans Series nella classe GT1, un aneddoto che ama ricordare con irruenza e affetto, e che non manca di descrivere nel dettaglio durante la chiacchierata col nostro Andrea.

Ma è poi grazie a Seat-Cupra che Salvatore entra in contatto con noi, per varie collaborazioni, con la prima della lista che è YouTester 2019. Lui nel 2018 ha vinto la seconda edizione del TCR Italia, confermandosi campione anche nel 2019, sempre assistito dalla Scuderia del Girasole by Cupra Racing, con cui condivide “casa e bottega”.

Di conseguenza, quale manico migliore di Salvatore potevamo mai interpellare come “coach” per guidare (letteralmente) gli aspiranti YouTester nelle fasi finali e pistaiole delle selezioni?

Fu un’esperienza splendida in cui conoscemmo la grande attitudine di Salvatore a “insegnare”, con chiarezza, decisione e professionalità… ma, e di solito un “ma” c’è sempre, ci eravamo lasciati qualche domanda per lui, consigli su come iniziare a correre, circuito e curva preferiti… insomma, tutto quello che, sempre col sorriso, sentirete da lui in questa TAG-Chiacchierata!