La Audi R8 con motore V12 diesel, la bellissima BMW Nazca M12 e l'Alfa Romeo Scighera, affascinante cabrio fine anni '90

Quarto appuntamento con la serie Stranger Cars e stavolta siamo andati a scovare alcune supercar caratterizzate da tecnologie avveniristiche. Ci discostiamo parecchio dal topic della precedente puntata quanto a destinazione dei mezzi in questione, ma come la scorsa volta al centro ci sono spettacolarità, prestazione e prestigio.

A titolo informativo ricordiamo che questa serie mira a rispolverare vecchi prototipi e concept (possibilmente basati su meccaniche funzionanti) e riflettere su come in alcuni casi sia mancato quel pizzico di audacia da parte dei costruttori nel proporre modelli che, siamo sicuri, avrebbero lasciato il segno.

Le protagoniste 

stranger cars

Nel 2008, pochi mesi dopo la presentazione della versione a benzina dell'Audi R8 arriva il concept R8 V12 TDI, quella che porta su strada il motore a 12 cilindri diesel della R15 che impazzava sui campi di gara dell'endurance. 1000 Nm di coppia e cambio manuale, che la rendono ancora oggi speciale e unica nel suo genere. Chissà che esperienza guidarla.

stranger cars

Nel 1990 veniva svelata al mondo la ID 90 che, oltre a essere parente stretta della EB 110 che debutterà nel ‘91, è la prima Bugatti ad essere stata disegnata da Giugiaro. Proprio a partire dalla ID, Giorgetto e il figlio Fabrizio decidono di sviluppare una sportiva con il doppio rene e l’elica sul cofano. E’ così che nasce la BMW Nazca M12, forgiata in fibra di carbonio a cominciare dal telaio, qualcosa a cui ora siamo abituati, ma che non era così scontato all’inizio degli Anni '90. 

stranger cars

Nel corso della sua storia Alfa Romeo si è aggiudicato in quattro occasioni la 24 Ore di Le Mans, in 11 la Mille Miglia, i primi due campionati Formula 1 e un’infinità di successi nelle discipline minori. Per celebrare un palmares così ricco Italdesign ha costruito nel 1997 il prototipo Scighera, coupé ad alte prestazioni guidabile anche su strada. In milanese questo nome vuol dire nebbia, ma non perdetevi il video per scoprire come riesce a farvi gustare il cielo.