Molto digitale e molto ordinato

La nuova Opel Mokka sta prendendo forma. Nelle ultime settimane abbiamo visto varie foto ufficiali del piccolo SUV mimetizzato, ma solo ora vediamo per la prima volta gli interni. Si tratta solo di bozzetti, ma pochi disegni bastano per rendersi conto dell'influenza che ha avuto PSA nella realizzazione, in particolare sul fronte digitalizzazione.

La prossima generazione di Mokka attesa l'inizio del 2021 infatti anticipa gli stilemi che, nei prossimi anni, caratterizzeranno tutte le Opel di nuova generazione. Il capo del design Mark Adams e il suo team hanno cercato di combinare "chiarezza ed espressività audace", seguendo la razionalità che da sempre caratterizza le auto del Fulmine unendola ad un livello di tecnologia molto superiore a quello attuale.

Minimalismo ed essenzialità

Lo sguardo del guidatore adesso poggia sul "Pure Panel", uno schermo completamente digitale dietro al volante collegato con l'infotainment centrale e che vuole trasmettere, con l'eliminazione dei tasti fisici, minimalista ed essenziale.

"Con la nuova Mokka, offriamo per la prima volta ai nostri clienti il Pure Panel. Il display di grandi dimensioni si integra perfettamente nella plancia, i pulsanti sono ridotti al minimo e le informazioni chiare ed essenziali assicurano un'esperienza ottimale per il cliente" Mark Adams.

Tutte le informazioni a portata di sguardo

Il sistema si dividerà su due schermi rendendo superflua la presenza dei pulsanti fisici. Saranno integrate tutte le ultime tecnologie comprese le schermate della gestione energetica della batteria della Mokka elettrica.

Il rischio però, in questi casi, è sempre uno, quello di aumentare le possibilità di distrarsi alla guida. Secondo Opel però il Pure Panel sarà molto intuitivo da utilizzare e non richiederà la navigazione in scomodi sottomenù per raggiungere le informazioni che si cercano.

Fotogallery: Opel Mokka Prototipo