Le proposte contenute in due emendamenti al Decreto Rilancio allargano il bonus a tutte le auto nuove

Rispunta la proposta degli incentivi auto con rottamazione e questa volta si tratta di un bonus di 4.000 euro destinato a chi rottama un'auto di almeno 10 anni e compra una nuova Euro 6 con emissioni di CO2 superiori ai 61 g/km, ovvero tutte quelle escluse al momento dall'Ecobonus.

Il nuovo sistema di incentivi alla rottamazione è contenuto in due fra gli oltre diecimila emendamenti proposti al Decreto Rilancio e, se approvati, potrebbero entrare in vigore già dal prossimo mese di luglio.

Gli incentivi che dividono la maggioranza

L'emendamento che arriva dalla maggioranza di governo ha come primo firmatario il deputato Pd Gianluca Benamati ed è stato presentato congiuntamente da Partito Democratico, Liberi e Uguali e Italia Viva.

Occorre però capire come accoglierà questa proposta l'altro partito di maggioranza, il Movimento 5 Stelle, che si è già detto contrario a questo tipo di incentivi "anacronistici" allargati a tutte le auto tradizionali e non invece destinati solo a ibride plug-in ed elettriche.

Un aiuto a tutto il settore auto in crisi

Si tratta in pratica di un modo per stimolare le vendite di quelle auto che non rientrano nell'Ecobonus, "per incentivare il rinnovo anche per le macchine a motore termico più evolute" come le ha definite la deputata democratica Francesca Bonomo. Il tutto per favorire l'uscita da "una crisi del settore automobilistico senza precedenti", e per

"coniugare una rivoluzione Green che riduca drasticamente le emissioni con la salvaguardia del settore dell'automotive e la sua componentistica e la tutela di migliaia di posti di lavoro",

citando sempre le parole della Bonomo.

4.000 euro se rottami, altrimenti 2.000 euro

Andando a vedere più nello specifico i dettagli degli incentivi auto contenuti nell'emendamento troviamo poi che le auto ammesse alla rottamazione sono solo quelle che hanno 10 o più anni di vita, senza quella distinzione di classe di emissioni (Euro 0, Euro 1, ecc.) contenuta ad esempio nell'attuale Ecobonus.

Il cliente che compra l'auto nuova, ovviamente Euro 6 come tutte le auto in vendita oggi, ottiene 2.000 euro di sconto dallo stato a altri 2.000 euro dal concessionario, risparmiando 4.000 euro sul prezzo finale.

Incentivi auto nuove 2020 Incentivo statale Incentivo concessionaria Incentivo totale
Rottamazione auto ≥10 anni 2.000 euro 2.000 euro 4.000 euro
Senza rottamazione 1.000 euro 1.000 euro  2.000 euro
Nuova auto Euro 6
CO2 ≥61 g/km
     

Lo stesso schema di incentivi contiene anche uno sconto dimezzato per chi non rottama una vecchia auto, ovvero 1.000 euro di incentivo statale + 1.000 euro di incentivo del venditore per 2.000 euro totali

Per il 2021 si scende a 2.000 euro di sconto

Nella proposta è contenuto anche uno schema di incentivi rottamazione più ristretto per il 2021, in questo caso riservati all'acquisto di nuove auto Euro 6 con emissioni di CO2 fra 61 e 95 g/km e di importo dimezzato.

Incentivi auto nuove 2021 Incentivo statale Incentivo concessionaria Incentivo totale
Rottamazione auto >10 anni 1.000 euro 1.000 euro 2.000 euro
Senza rottamazione 500 euro 500 euro  1.000 euro
Nuova auto Euro 6
CO2 ≥61-95 g/km
     

Si parla di 1.000 euro dallo stato e 1.000 euro dal concessionario per arrivare a 2.000 euro di sconto con rottamazione. Senza rottamazione lo stesso bonus scende a 1.000 euro (500 + 500 euro)

Incentivi anche per le auto usate

Un'altra novità assoluta, oltre all'erogazione degli incentivi a tutti i tipi auto (benzina, diesel, GPL, metano e ibride), è quella dello stimolo all'acquisto di auto usate, a patto che siano Euro 5 e che si rottami un veicolo Euro 0, 1, 2, o 3.

Incentivi auto usate Incentivo statale
Acquisto auto usata ≥ Euro 5 Esenzione dal pagamento degli oneri fiscali sul trasferimento di proprietà
Rottamazione auto Euro 0, 1, 2, 3  

Non si tratta in questo caso di un bonus vero e proprio, ma di una "esenzione dal pagamento degli oneri fiscali sul trasferimento di proprietà". Ciò significa che ci compra risparmia le diverse centinaia di euro necessarie per il passaggio di proprietà.

Anche Forza Italia propone i 4.000 euro

Dall'opposizione, in particolare da Forza Italia, arriva una proposta simile di nuovi incentivi statali alla rottamazione auto, sempre fino a 4.000 euro. A farla sono la Mariastella Gelmini e la deputata Claudia Porchietto, responsabile del dipartimento attività produttive FI, in un emendamento allo stesso Decreto Rilancio che serve a 

"evitare il collasso del settore automotive, drammaticamente colpito dall'emergenza Covid".

In questo caso l'incentivo per l'acquisto di un'auto nuova "meno inquinante" arriva a 4.000 euro con la rottamazione e a 2.500 euro senza rottamazione, con in più la richiesta di sospendere "l'ecomalus" (la cosiddetta Ecotassa) per tutto il 2020.

Incentivi auto nuove 2020 Incentivo statale
Con rottamazione 4.000 euro
Senza rottamazione 2.500 euro
Nuova auto "meno inquinante"  

+ 2.000 euro per smaltire le auto in giacenza

Oltre a chiedere "l'immediata riduzione delle imposizioni fiscali sui veicoli aziendali di nuova immatricolazione" le deputate forziste hanno inserito nel loro emendamento anche un bonus aggiuntivo per l'acquisto (entro il 31 dicembre 2020) di auto in stock, cioè quelle in giacenza nelle concessionarie e nei depositi che sono state prodotte prima di marzo 2020. In questo caso l'incentivo sarebbe di 2.000 euro a fronte di rottamazione e di 1.000 euro senza rottamazione.

Incentivi auto in stock (entro 31/12/2020) Incentivo statale
Con rottamazione 2.000 euro
Senza rottamazione 1.000 euro
Auto in giacenza prodotte prima di marzo 2020