La nuova generazione della berlina ad idrogeno dovrebbe avere un'autonomia di oltre 600 km con un pieno

Ad ottobre 2019 Toyota ha presentato la nuova generazione della berlina ad idrogeno Mirai. Il design del modello è cambiato radicalmente rispetto al precedente e ora sembra una tre volumi tradizionale e non più un'auto futuristica e dalle linee quasi aliene che tradivano il suo cuore non endotermico. La trazione sarà posteriore e non più anteriore.

Per la prima volta in questi giorni, i nostri fotografi hanno intercettato un muletto della Mirai impegnato nei test su strada e sembrerebbe che il concept visto in fase di presentazione qualche mese fa possa essere molto simile al modello che arriverà prossimamente sul mercato.

Fuori è un'auto completamente nuova

La Mirai anche così camuffata non nasconde la sua linea, con il cofano lungo, la griglia verticale e il tetto spiovente verso la coda piatta che sono identiche alle parti viste sul concept. Ad essere sinceri, da alcune angolazioni ricorda un po' l'ultimo aggiornamento della Lexus LS ma questo no stupisce dato che Lexus è pur sempre il brand di lusso della Casa giapponese.

Anche dando un'occhiata all'interno si notano molte somiglianze, con un grande display touch-screen da 12,3" e un sistema audio JBL a 14 altoparlanti.

Si punta a oltre 600 km di autonomia con un pieno

Toyota ha annunciato, in occasione della presentazione della Mirai lo scorso anno, che sotto il cofano avrebbe trovato spazio lo stesso motore a idrogeno da 153 CV della generazione attuale ma migliorato in termini di efficienza, con l'autonomia stimata che dovrebbe passare da 500 a circa 640 km con un pieno.

Fotogallery: Nuova Toyota Mirai, le foto spia

I vantaggi della trazione posteriore

Le applicazioni sui veicoli a celle di combustibile a idrogeno sono ancora molto di nicchia, ma ciò non ha impedito a Toyota di continuare a investire in questa tecnologia insieme a pochissime altre case automobilistiche. Il cambiamento di schema di trazione ha consentito ai progettisti di rendere la macchina più bassa, più lunga e più larga del modello uscente, cambiandone completamente l'aspetto.