Sotheby's mette in vendita la coupé bavarese da 340 CV e - naturalmente - con la sola trazione posteriore

Anno 2011: BMW crea una delle sportive che più hanno fatto perdere la testa a tanti appassionati e che col tempo è diventata una chicca da includere all'interno delle proprie collezioni. La Serie 1 M.

Motore sei cilindri in linea bi-turbo da 340 CV, cambio manuale a 6 marce e trazione posteriore. Quanto basta per garantire alla versione più violenta della Serie 1 Coupé di mantenere il suo valore nel tempo, grazie anche alle pochissime unità assemblate (meno di 7.000). Valore che, stando a quanto riportato dal sito della casa d'aste Sotheby's, si aggira (almeno) intorno ai 55.000 euro

Come nuova

L'esemplare messo all'asta ha percorso appena 8.600 km e le condizioni di carrozzeria ed abitacolo sono - almeno stando alle foto - pari al nuovo. Il numero di telaio è WBSUR91070VS64015 e la finitura della carrozzeria è in Valencia Orange.  

Fotogallery: BMW Serie 1 M

Si tratta di uno dei lotti rimasti invenduti durante l'asta della collezione "Petitjean", ma è ancora acquistabile sul sito contattando gli specialisti di Sotheby's. Indubbiamente tra le sportive moderne è tra quelle più analogiche e la sua capacità di mantenere la quotazione ne testimonia ancora di più il valore.   

Una cifra tutto sommato abbordabile (ma occhio ai rilanci) per una compatta 2 porte come la BMW Serie 1 M Coupé, capace di passare da 0 a 100 km/h in appena 4,9" e toccare i canonici 250 km/h di velocità massima.