Nello stesso giorno verranno annunciati anche i prezzi e gli allestimenti della berlina californiana

La Tesla Model S ha una rivale... in casa. Si chiama Lucid Air e, come l'ammiraglia di Elon Musk, è una grande berlina elettrica. Debutterà sulla scena internazionale il prossimo 9 settembre, data in cui verranno annunciate anche tutte le informazioni tecniche su motore, autonomia e batteria oltre ai vari allestimenti previsti e ai prezzi.

È probabile che, qui su Motor1.com, ne abbiate già sentito parlare dato che, come potete vedere nel video qui sotto, siamo stati ospiti nello stabilimento californiano l'anno scorso per per dare un'occhiata in anteprima a quella che potrebbe essere a tutti gli effetti la rivale più accreditata della Tesla.

In vendita dal 2021

Nonostante venga presentata a metà 2020, per acquistarla bisognerà aspettare il 2021 a causa degli innumerevoli ritardi causati dalla pandemia di Coronavirus. La Lucid Motors ha anche annunciato di aver terminato i test su strada con gli esemplari di preproduzione e che tutti i programmi sono stati rispettati e gli obiettivi raggiunti.

L’anti Tesla Model S

L'obiettivo è chiaro: affermarsi sul mercato come diretta concorrente della Tesla Model S. Non facile da raggiungere ma fattibile, come dichiarato dal progettista Peter Rawlinson, ex dipendente di Elon Musk, che ha sottolinato come la Air sia già molto superiore per specifiche all'ammiraglia di Palo Alto.

Almeno sulla carta, i numeri sono tutti a favore della Air. Si parla di 1.800 CV di potenza e ua velocità massima di oltre 320 km/h, il tutto con un'autonomia di circa 550 km dichiarati calcolati secondo il ciclo di omologazione NEDC. Nel 2018, l'auto in fase di test ha girato sul circuito di Laguna Seca in 1’41”67, lo stesso tempo di una Porsche Cayman R stabilendo un nuovo primato sul giro nella categoria veicoli elettrici.

  • Potenza max: 1.800 CV
  • Velocità max: oltre 320 km/h
  • 0-100: 2”5
  • Autonomia: circa 550 km (NEDC)

Fotogallery: Lucid Air, le foto del prototipo ufficiale

Era attesa a New York

La Air avrebbe dovuto debuttare al Salone di New York 2020 che, come sappiamo, è stato cancellato. Il lavoro però non si è mai fermato con l'Azienda che ha investito oltre un miliardo di dollari per la costruzione di un nuovo stabilimento di produzione da affiancare a quello già realizzato in Arabia Saudita.