È stato presentato al Salone di Ginevra del 2004: da questo concept è nato uno dei SUV di media grandezza più venduti al mondo

Se prendessimo una macchina del tempo per andare direttamente si primi anni 2000 vedremmo tantissime cose che, rispetto a come le conosciamo adesso, sono totalmente diverse. Il mondo dell'auto e infatti è cambiato molto: prima, per esempio, le monovolume e le station wagon erano molto di moda, il diesel era considerato l'alimentazione del futuro e di elettrico ancora non si parlava. 

E i SUV? Erano ancora macchine di nicchia, per avventurieri, che non riscuotevano tanto interesse perché erano grandi, potenti, a quattro ruote motrici e consumavano tanto. Insomma, non esisteva ancora il concetto del SUV di medie dimensioni, per la città, il cosiddetto crossover. E questo fino al 2004.

Nel 2004 Nissan presenta il primo concept della Qashqai

Il prototipo che vedete qui sopra, la Nissan Qashqai concept presentata al Salone di Ginevra nel 2004, è stato importantissimo non solo per la salvezza della Casa ma per tutto il settore auto. Da lì a pochi anni infatti sarebbe arrivata sul mercato la Qashqai, il primo di una lunga serie di "alte" da città.

Le chiavi del successo

Il concept anticipava una macchina con "tanto spazio all'interno sufficiente per una famiglia, la robustezza di una 4x4 e il comfort e la facilità di guida di un'autovettura tradizionale". In poche parole, le chiavi del successo.

L'ultimo punto non scritto riguardava il design, con la Qashqai Concept che, anche dal punto di vista estetico, rappresentava qualcosa di mai visto prima di allora. È stato il primo prototipo del Nissan European Design Center inaugurato a Londra solo un anno prima e oltre 50 designer provenienti da tutto il mondo hanno partecipato alla sua realizzazione.

Fotogallery: Nissan Qashqai Concept (2004)

Tanto spazio e comfort

Per massimizzare lo spazio interno, il concept non ha il montante B centrale e le portiere posteriori si aprono controvento. Secondo i designer questa soluzione avrebbe permesso un elevato livello di comfort senza andare a compromettere la struttura dell'auto.

I sedili posteriori sono reclinabili e formano un piano di carico grande e completamente piatto pensato appositamente per trasportare una bicicletta o l'attrezzatura necessaria per qualsiasi tipo di sport.