Design non più tridimensionale e via alla scritta Toyota, ecco come sarà la nuova “brand identity” della Casa nel Vecchio Continente

Il mondo della mobilità sta cambiando e con lui le Case, fino a ieri concentrate unicamente sul vendere auto e ora sempre più trasformate in aziende che offrono servizi di mobilità. Una trasformazione che si accompagna con una nuova – come dicono gli inglesi – visual identity.

Al cambiare della filosofia che guida le azienda cambia anche la loro immagine e così Toyota, dopo altri colossi dell’auto, cambia il proprio logo. Un nuovo design dedicato unicamente al mercato europeo, presentato in concomitanza col lancio commerciale della nuova Yaris.

Per tutto, auto escluse

Un logo che, come sempre più spesso accade, abbandona ogni tipo di tridimensionalità per abbracciare uno stile piatto e bidimensionale (rispettando i dettami del material design), perdendo allo stesso tempo la scritta “Toyota” posta al di sotto delle classiche 3 ellissi. Cambia anche il font utilizzato per la comunicazione, ora chiamato Toyota Type e contraddistinto dallo stesso stile del logo: niente tridimensionalità e maggiore semplicità.

Un logo nato seguendo i 4 dettami principali indicati da Toyota: “lungimiranza, digitalizzazione, percezione premium e massima coerenza in tutte le aree business e marchi correlati”. Il nuovo logo della Casa giapponese quindi verrà adottato per ogni tipologia di comunicazione (corporate, pubblicità etc…) e da ogni area dell’azienda, auto escluse. Tutti i modelli Toyota infatti manterranno il vecchio logo, probabilmente per una coerenza a livello globale col resto della gamma venduta sugli altri mercati.

Questione di carattere

Il nostro obiettivo era quello di connettere sempre meglio i clienti rispetto alla rapida espansione di Toyota nel processo di elettrificazione dei veicoli, dei servizi di mobilità e della vendita online.

Spiega così la scelta del cambio di logo Didier Gambart, vice presidente marketing, vendite e clienti di Toyota Europe.

Fotogallery: Nuova Toyota Yaris