La parola d'ordine del mercato automobilistico in piena estate è sicuramente "ripartenza" dopo i blocchi, e il conseguente calo di vendite, dell'emergenza Coronavirus.

Partiti con la messa in sicurezza delle concessionarie e con l'aumento di servizi informativi e di vendita online, la case hanno sviluppato formule per rendere allettante l'acquisto di un'auto nuova, con sconti sul listino e varie promozioni.

Rispetto all'inizio del secondo semestre, tuttavia, c'è una importante novità in più, l'arrivo degli incentivi statali, destinati non soltanto ad alcune categorie di automobili, ma estese a tutte le auto nuove, secondo le regole del Decreto Rilancio.

Un ritorno, quindi, agli incentivi di qualche anno fa, con intenzioni economiche ma anche ecologiche, che potrebbero costituire una svolta importante per il mercato.

Le offerte auto di agosto 2020

Ripartire con l'auto nuova

C'è una sostanziale variazione nella comunicazione da parte delle Case automobilistiche, che si è andata accentuando progressivamente: prima c'era la volontà di rassicurare, ora si punta di più sull'aspetto della ripartenza.

Permangono quindi le indicazioni sulle concessionarie sicure, ma ad esempio il pacchetto D-Fence delle auto del gruppo FCA non è più gratuito, ma a pagamento, circa 300 euro. Non per tutti, quindi, ma per chi lo sceglie appositamente.

Per contro, un po' tutte le case supportano il periodo di minori introiti, dovuto al lockdown, in molti casi con l'impossibilità di una ripartenza con i ritmi precedenti, fino ad arrivare a fallimenti e chiusure: molte case, oltre ad uno sconto iniziale, offrono la possibilità di iniziare a pagare tra qualche mese. Un tipo di offerta ancora ben presente, ma forse meno accentuata di prima.

Il messaggio che cerca di passare in agosto è forse di maggiore spensieratezza: chi può parta per le vacanze, e approfitti degli sconti e delle agevolazioni per un viaggio su un'auto nuova. Un invito all'ottimismo, che ha cambiato anche la comunicazione generale delle case, ora molto più orientata verso l'idea di ripartenza e di "viaggio".

Rate più basse, e se possibile qualche mese dopo

Certamente, quello che le case automobilistiche hanno rilevato è che è importante poter effettuare un acquisto versando meno soldi in questa fase: meglio rimandare, considerando anche il fatto che alcune tasse e pagamenti, come ad esempio i bolli auto del periodo di chiusura, sono stati spostati proprio a luglio.

Continuano, quindi, le possibilità di:

  • pagare dopo qualche mese
  • non versare anticipo
  • pagare rate per un periodo ridotto di tempo
  • pagare rate più basse per un primo periodo

Vediamo qualche esempio.

  • Il gruppo Volkswagen rimborsa su molti modelli le prime tre rate del finanziamento, ad esempio sulla Volkswagen Polo, sulla Skoda Scala -la formula si chiama Free3, ma anche sulla nuovissima Audi A3 Sportback

  • Per una Fiat Panda Easy 1.0 80 CV Hybrid il prezzo è di 8.300 euro, con prima rata a gennaio 2021 e prime 20 rate da 92,33 euro

  • Mini Why-Buy Flex prevede ancora rate per un anno soltanto, eventualmente rifinanziabili

  • Ford IdeaFord non richiede anticipo, ma minirate con maxi rata finale rifinanziabile

Servizi di finanziamento: novità, conferme e abbandoni

Ci sono almeno tre novità interessanti e inedite in merito ai finanziamenti agevolati:

  • Summer Card: il gruppo FCA propone addirittura l'inizio del pagamento la prossima estate, dopo 300 giorni, senza anticipo; questo però su un numero limitato e specifico di modelli in stock, come ad esempio la Panda 1.2 69 CV benzina Euro6-TEMP, da 8.450 euro

  • Free2Move Lease del gruppo PSA diventa una sorta di società indipendente per la gestione di leasing e noleggio a lungo e breve temine, anche per flotte o enti pubblici; per i privati, ad esempio, l'offerta rateale su Peugeot 208 Active (239 euro mensili) comprende praticamente tutti i costi di gestione ordinaria, a parte i consumabili

  • Seat Senza Impegno: per il momento valido solo su tutte le motorizzazioni di Seat Arona, consente di interrompere dopo il secondo mese il finanziamento in qualsiasi momento, restituendo la vettura senza altre spese.

Continuano in ogni caso le promozioni relative sia alla protezione dalla pandemia, sia dal rischio di perdita del lavoro o di mancato pagamento del credito; tra queste:

  • Protezione Pandemie “PSAWeCare” di Peugeot, che copre per un anno i rischi derivanti da sindromi influenzali di natura pandemica

  • Salute 7 più” fornita sulle nuove Volkswagen

  • Opel Protezione salute (per un anno) e Credito protetto

  • Hyundai, Mazda e Mitsubishi Credito Protection Insurance (facoltativa)

  • Ford “4Life”

  • Skoda AlterEgo Duo Plus di protezione delle rate

Alcune case offrono anche servizi aggiuntivi, in particolare di garanzia e manutenzione, già compresi nelle offerte, oppure da aggiungere a richiesta alle rate; il riferimento da questo punto di vista è sempre Kia, con i 7 anni di garanzia su tutta la gamma.

C'è anche qualche tipo di offerta che nel frattempo è sparito. Abbiamo già citato, ad esempio, il D-Fence pack di FCA, non più gratuito; a questo si aggiungono le promozioni Renault, Dacia e Nissan che prima prevedevano quattro o sei rate di 1 euro da devolvere alla Protezione Civile: questo tipo di offerta è stata sostituita da altre.

Sono arrivati gli incentivi

Nel frattempo, a partire dal 1 di agosto, sono arrivati anche gli incentivi, e le Case hanno quindi dovuto riprogrammare tutte le promozioni precedenti: in molti casi, infatti, le offerte di luglio erano piuttosto sostanziose, quasi come se gli incentivi statali venissero in qualche modo anticipati. Il risultato è che lo sconto finale, alla fine, non è sempre molto superiore rispetto a quello di luglio: cambia sostanzialmente chi eroga il contributo, e quindi il modo di erogarlo. Anche perché gli incentivi statali non sono per tutti, ma, come possiamo leggere nelle singole offerte e nel nostro articolo sul Decreto Rilancio, obbediscono ad alcune regole:

  • si applicano a vetture dal basso impatto ambientale
  • sono maggiori in caso di rottamazione di una vettura inquinante
  • richiedono l'applicazione di uno sconto anche da parte della casa
  • si attivano con un pagamento -per cui alcune case che non prevedono anticipo, come Ford, fanno versare 1 euro di attivazione del contratto, che poi viene rimborsato
  • sono soggetti ad esaurimento

A quest'ultimo proposito, la prima tranche degli incentivi per le vetture con motorizzazione tradizionale si è esaurita in breve tempo: a dimostrazione del fatto che gli incentivi servono per incentivare gli acquisti. Chi compra attende le situazioni più favorevoli all'acquisto: se non ci sono incentivi, di solito si rinvia ad un momento più propizio, e a maggior ragione in un periodo di crisi. E ora gli sconti possono essere piuttosto interessanti.

Le nuove offerte con incentivi statali riguardano le ibride, anche Mild-Hybrid, ma anche altri tipi di motorizzazione dalle basse emissioni. Vediamo qualche esempio di listino con il massimo dello sconto possibile, in caso di rottamazione di un veicolo inquinante:

  • Citroen C1 Live 72 CV: 6.900 euro senza finanziamento
  • Citroen nuova C3 Live 83 CV: 9.900 euro senza finanziamento
  • Fiat Panda Easy 1.0 70 CV Hybrid: 8.300 euro
  • Ford Fiesta Active 5 porte Hybrid: 16.150 euro (ma solo su vetture in stock fino al 1 giugno)
  • Hyundai i10 MPI: 10.050 euro
  • Kia Picanto GPL: 9.800 euro
  • Lancia Ypsilon Ecochic GPL: 12.000 euro
  • Mazda CX-30 2WD: 22.650 euro
  • Mitsubishi Space Star MY2020: 7.950 euro
  • Nissan Qashqai N-Connecta DIG-T 140 CV: 21.450 euro
  • Opel Crossland X 1.2: 12.450 euro
  • Renault Clio Life Tce 100 GPL: 11.600 euro
  • Seat Arona TGI: 14.005 euro
  • Toyota C-HR 1.8 Hybrid: 24.100 euro
  • Volkswagen Polo 1.0 EVO 80 CV Comfortline: 13.858 euro

Una nota meritano anche le auto elettriche, per le quali valgono sia incentivi statali che territoriali, e che le Case si attrezzano sempre di più a vendere con formule moderne, ad esempio di noleggio o leasing tutto compreso, con la gestione anche dei contratti di ricarica.

  • smart EQ: nessun anticipo e due anni di a partire da rate da 210 euro + IVA compresi bollo, assicurazione e servizi
  • Honda e: da 38.500 euro a 28.060 euro con sconti e incentivi, più rate da 289 euro con anticipo e rata finale

Tutto questo dovrebbe aiutare a migliorare i dati di vendita della seconda parte dell'anno, nella speranza di un autunno lontano da ogni tipo di emergenza sanitaria.