Si parte dalla fabbrica tedesca di Zwickau, poi in Cina e USA. Sarà svelata a fine settembre

L'elettrificazione del marchio Volkswagen procede spedita nonostante i ritardi causati dalla pandemia da Coronavirus e lo fa con l'avvio produttivo della Volkswagen ID.4, primo SUV elettrico della Casa tedesca.

In attesa di vedere arrivare in concessionaria la ID.3, primo frutto della nuova piattaforma elettrica modulare MEB, la Volkswagen inizia infatti a costruire nello stabilimento tedesco di Zwickau la ID.4, SUV compatto a zero emissioni.

La vedremo a fine settembre

L'inedita Volkswagen ID.4, per ora conosciuta solo attraverso una serie di immagini teaser che ne svelano forme e stile da compatta rialzata, sarà svelata in ogni dettaglio solo a fine settembre. Dalla video anteprima di oggi a Zwickau abbiamo però tratto alcune foto dei dettagli, quelli che vedete qui sotto.

Fotogallery: Volkswagen ID.4, in anteprima dalla fabbrica di Zwickau

Con la ID.4 inizia la seconda fase dell'ambizioso piano Volkswagen che punta a produrre 1,5 milioni di auto elettriche già entro il 2025, con un investimento di 33 miliardi di euro per l'intero gruppo e di 11 miliardi di euro per il solo marchio VW.

Oltre 500 km di autonomia

Al momento sono state già anticipate alcune caratteristiche tecniche della nuova Volkswagen ID.4 che con un Cx di 0,28 e un pacco batteria di capacità variabile posizionato nella parte inferiore del pianale potrà percorrere anche più di 500 km con un pieno elettrico.

L'architettura modulare MEB promette per la Volkswagen ID.4 ampio spazio a bordo per passeggeri e bagagli, con la trazione posteriore del modello di lancio che sarà seguita dalla versione a trazione integrale. Quadro strumenti, comandi e infotainment saranno votati alla massima digitalizzazione, con sistemi touch e controlli vocali.

Punta al grande mercato dei SUV compatti

All'avvio della produzione l'ad del marchio, Ralf Brandstätter, ha detto:

"Con la ID.4 aggiungiamo un veicolo elettrico al segmento dei SUV compatti, quello in maggiore crescita in tutto il mondo. L'auto sarà costruita e venduta in Europa, in Cina e poi negli Stati Uniti, la ricetta per sfruttare la piattaforma globale MEB e porre le basi economiche per il successo della famiglia ID".

La fabbrica di Zwickau è solo l'inizio

Fondamentale per questo scopo è la conversione alla mobilità elettrica dello stabilimento sassone di Zwickau, un processo costato 1,2 miliardi di euro e che dal 2021 vedrà uscire dai cancelli della fabbrica circa 330.000 auto elettriche.

Fotogallery: Volkswagen ID.4

A questo si aggiunge l'impianto cinese di Anting che è già in fase di pre-produzione della ID.4 e quello americano di Chattanooga che sarà operativo dal 2022.


Restando in Germania la ID.4 sarà assemblata anche nella Fabbrica di Vetro di Dresda a partire dal 2021, negli impianti di Emden e Hannover dal 2022, mentre i componenti come motori elettrici e batterie verranno costruiti a Brunswick, Kassel, Salzgitter e Wolfsburg.