Sarà ordinabile presso i rivenditori ufficiali del marchio e potrà essere montato anche su vetture già acquistate

Per la berlina di lusso inglese di terza generazione introdotta nel 2019, è in arrivo una nuova personalizzazione con componenti in fibra di carbonio realizzate a mano, con l’obiettivo di enfatizzare il suo lato più sportivo.

I nuovi dettagli stilistici della Bentley Flying Fur vanno ad affiancare una serie di soluzioni tecnologiche all'avanguardia già presenti sulla vettura, che riguardano il telaio a quattro ruote motrici e quattro ruote sterzanti.

Il pacchetto

Il body-kit sportivo comprende: splitter specifico per il paraurti anteriore; minigonne laterali; spoiler posteriore; diffusore posteriore e badge Bentley tridimensionale.

Fotogallery: Bentley Flying Spur, body-kit in fibra di carbonio

Tutto l’equipaggiamento è realizzato a mano in fibra di carbonio a più strati. Tutti i pezzi prima di entrare in produzione vengono testati ed analizzati con l’utilizzo di specifiche procedure per garantire la massima qualità ed una perfetta integrazione con il design della vettura.

Il pacchetto sarà disponibile non solo per chi deciderà di acquistare una nuova vettura, ma anche per quei pochi fortunati che ne hanno già una.

La tecnologia si unisce all'estetica

La nuova Bentley Flying Spur, oltre ad essere la generazione che allunga il passo, rappresenta anche un punto di riferimento in termini di prestazioni, agilità e dinamismo. Le nuove componenti estetiche si uniscono e si completano con la progettazione del telaio di questa vettura.

La modifica più sostanziale riguarda lo spostamento dell’assale anteriore in avanti, per migliorare la distribuzione del peso e di conseguenza garantire una maggior maneggevolezza. L’aiuto in più viene dalla trazione integrale attiva, dallo sterzo integrale, dalle quattro ruote sterzanti e dal sistema Bentley Dynamic Ride.

Tale sistema a seconda delle condizioni stradali è in grado di spostare la trasmissione della coppia all'anteriore, rendendolo più leggero e consentendo una più efficace risposta in curva. Anche il sottosterzo della trazione integrale sarà solo un lontano ricordo.