Cambiare l'aria, aggiungere un po' di luminosità nell'abitacolo, ma anche dare un tocco in più all'estetica

Per moltissimi anni ha avuto un posto fisso nel listino degli accessori di qualunque auto (escluse le cabrio, naturalmente....), anche quando erano pochissimi, ed è sempre stato uno dei più desiderati, forse perché visto come uno sfizio, un "di più" che trasmetteva immediatamente un'idea di benessere.

Eppure, in realtà il tettuccio apribile ha una serie di utilità e funzioni non solo estetiche ben precise, che iniziano dal portare più luce e aria all'abitacolo. Funzioni in parte sostituite oggi dai tetti panoramici fissi e dai climatizzatori sempre più intelligenti e potenti (che una volta, quelli sì, erano davvero un lusso). Scegliere un'auto con il tetto apribile dunque, è forse più superfluo oggi che sempre più modelli offrono quello trasparente integrale addirittura di serie

Ricambio d’aria

Iniziamo analizzando quella che è la funzione più intuitiva e elementare del tetto apribile, ossia far entrare aria fresca nell'abitacolo o far uscire quella viziata senza dover tenere i finestrini aperti, che sono più rumorosi e a volte anche meno salutari visto che senza deflettori la corrente in quel caso investe direttamente i passeggeri.

Fotogallery: Tetto apribile, a cosa serve

Questa proprietà può sembrare superflua, vista la presenza nelle odierne auto di sofisticati e efficienti impianti di climatizzazione, ma spesso poter escludere l’impianto e viaggiare con il tetto aperto può essere più economico e davvero piacevole. Immaginiamo ad esempio di percorrere una strada, se esiste, con poco traffico e immersa nella natura....

Inoltre, se a bordo ci sono o ci sono stati fumatori, potrebbero trarre giovamento dall’effetto-camino svolto dal tetto apribile, anche qui con minori vortici e correnti rispetto ai finestrini e dunque andando a infastidire meno gli occupanti dell’auto.

Estetica e luminosità

Il pregio di un tetto apribile non si riduce solo alla funzione di aerazione ma è indubbio anche l’effetto dal punto di vista dell’immagine: le auto col tetto apribile hanno un look più affascinante, a maggior ragione se pensiamo a vetture alto di gamma. I costruttori poi ormai presentano tetti apribili di dimensioni veramente notevoli, con sofisticati sistemi d’apertura che si possono estendere a quasi tutta la superficie del tetto e raccordarsi con lunotti e parabrezza.

Il cristallo garantisce un'illuminazione notevole e aumenta la sensazione di benessere e il comfort, oltre a conferire un'immagine davvero gradevole a tutta la vettura. Spesso per un tetto apribile in vetro, così come per i finestrini, sono previsti trattamenti opacizzanti, che fanno entrare la luce ma non lasciano intravedere l'interno, o semplici tendine fino a sofisticati sistemi elettrocromici che la variano secondo il grado desiderato.

Aspetti negativi

E i difetti? Qualcuno ce n'è naturalmente: innanzitutto la presenza di questo accessorio può penalizzare in qualche modo l’insonorizzazione della vettura, poi non dimentichiamo che il tetto aperto, anche il più curato aerodinamicamente, crea rumore (magari non molto) e che quando si sceglie un tetto apribile va messo in conto.

Consideriamo poi che anche i consumi potrebbero subire un incremento, non enorme naturalmente, più che per l'aumento del peso che comporta, per l'effetto sull'aerodinamica, aspetto a cui sappiamo che oggi si guarda con particolare attenzione. Un piccolo sacrifico, unito a quello del costo che alle volte è un po' meno piccolo.

Prezzi in salita

Quanto costa? Beh, una decina di anni fa, quando erano ancora diffusi i tettucci classici, per un'utilitaria come la Ford Fiesta non si scendeva sotto i 500 euro, mentre oggi che anche le piccole montano quelli panoramici, la cifra è praticamente raddoppiata. Per un modello medio o superiore, come una BMW Serie 3, andiamo dai 1.300 ai 2000 euro di supplemento. 

Idem per le riparazioni: in caso di danni, il tetto panoramico di una Fiat 500 ci vogliono sui 500 euro soltanto per il ricambio, più il costo della manodopera. Un tetto esteso invece costa spesso più di un parabrezza, quindi anche qui è difficile stare sotto i 1000 euro e molto facile superare i 1.500. Inutile dire che conviene includere nell'assicurazione anche la copertura cristalli...

Tetto apribile, a cosa serve