Le regole sono le stesse di chi si trova all'aperto: si se in presenza di non conviventi

Il Consiglio dei Ministri ha prorogato fino al 31 gennaio 2021 lo stato di emergenza da Coronavirus con una ritorno: le mascherine da indossare anche all'aperto se vicini ad altre persone non conviventi.

L'auto - e in generale, qualsiasi veicolo che si voglia guidare - è un caso che c'entra in pieno la questione:

  • La mascherina non è obbligatoria se si è da soli o con persone conviventi
  • La mascherina è obbligatoria se si viaggia con persone non conviventi

Da "congiunti" a "conviventi"

In sostanza, fino a nuovo ordine l'utilizzo della mascherina in auto rimane molto simile a quanto già stabilito dalle precedenti norme in vigore, con una differenza sostanziale: l'obbligo del dispositivo di protezione individuale decade nel solo momento in cui si trasportano propri conviventi, anziché "congiunti".

Questo rende più netta la distinzione fra chi può non indossare la mascherina in auto e chi invece lo deve fare, impedendo dubbi simili a quelli nati - almeno all'inizio - dalla parola "congiunti" che scatenò una serie di dubbi sulla sua interpretazione.

Le multe

Questa regola vale per chiunque non solo in auto, ma anche in moto, in bici o semplicemente a piedi all'aperto. E attenzione: che si tratti di volontà o di semplice dimenticanza, chi non rispetta le norme sull'uso della mascherina rischia sanzioni da 400 euro fino a un massimo di 3.000 euro.