A Stoccarda il parking Apcoa sta preparando tutto per i collaudi del sistema automatizzato chiamato AVP

Bosch e Mercedes hanno sviluppato un sistema di parcheggio autonomo chiamato Automated Valet Parking (AVP) e la prima auto a vederlo inserito nella propria dotazione è la nuova generazione di Classe S.

Ora il gestore di parcheggi Apcoa vuole implementare il sistema di parcheggio autonomo nell'aeroporto di Stoccarda: sono infatti in corso i preparativi per iniziare i test, con il fine di assicurare che le interazioni fra veicolo, tecnologia e infrastruttura siano ottimizzate per la massima sicurezza.

Come funziona l'AVP

I clienti della nuova Classe S possono scegliere di acquistare l'optional dell'Intelligent Park Pilot, con cui è possibile comandare all'auto di raggiungere in autonomia un parcheggio attraverso lo smartphone. Questa tecnologia si trova alla base del sistema AVP.

Fotogallery: Mercedes Classe S, il parcheggio autonomo all'aeroporto di Stoccarda

Bosch sfrutta un sistema di telecamere capaci di rilevare corsie e ostacoli (con eventuali frenate di emergenza), mentre Apcoa mette a punto un sistema - basato su una piattaforma digitale proprietaria chiamata "Apcoa Flow" - capace di riconoscere le vetture impegnate in manovre autonome, per automatizzare anche il biglietto, il pagamento e l'alzamento della sbarra.

I primi posti auto dedicati ai collaudi del sistema AVP saranno nel parcheggio P6 dell'aeroporto di Stoccarda. L'idea di fondo però, dice la nota, è di gettare "le basi del futuro parcheggio autonomo senza conducente".