Una mostra ripercorre i successi – e i record – delle barche mosse dai motori firmati Alfa Romeo

I 110 anni di Alfa Romeo hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’auto, con auto immortali mosse da motori amati e ammirati in tutte le parti del Globo, capaci di fare incetta di titoli in pista e conquistare i cuori di innumerevoli appassionati.

Quello che forse non tutti sanno è che il Biscione ha legato il suo nome non solo al mondo dell’asfalto: tra gli anni ’30 e gli ’80 del 900 Alfa Romeo è stata protagonista del mondo degli sport acquatici, con vittorie e record del mondo. Avventure e successi ripercorsi da una speciale mostra, chiamata “Cavalli marini” in programma nel museo di Arese.

Dall’acqua alla Formula 1 e ritorno

Il palmares di Alfa Romeo negli sport motonautici conta, con i 9 modelli presenti nella mostra, 11 record del mondo, 6 campionati mondiali, 7 europei, 9 italiani e 5 medaglie d’oro del CONI. Una bacheca ricca di trofei, alcuni dei quali grazie a motori versatili, capaci di vincere a prescindere dal mezzo e dalla superficie da “cavalcare”.

Fulgido esempio in questo senso è il motore dell’Alfa Romeo Alfetta 158, protagonista del primo titolo di Formula 1 della storia nel 1950. Arrivato sotto al cofano della monoposto di Nino Farina, dopo aver vinto negli anni precedenti 3 titoli mondiali sull’acqua, accompagnati da un titolo italiano e il record del mondo di velocità, bissò il successo nel 1951 con Fangio.

Un motore poi tornato a correre in acqua e capace di conquistare, con Laura 1°, Moschettiere, Tamiri e Laura 3°, tanti altri titoli nazionali e internazionali.

Gare e non solo

La mostra “Cavalli marini” propone altre gloriose imbarcazioni mosse da motori Alfa Romeo, come il Loustic 2 con motore 1300 della Giulietta AR530 ed entrato nella storia per aver fatto segnare 3 differenti record del mondo nel 1964.

Al suo fianco il Molivio – Alfa Romeo GTA, entrobordo portato al successo da Leopoldo Casanova e con un palmares di tutto rispetto: 1 titolo europeo, 4 italiani e 4 record del mondo di velocità in 3 classi.

Assieme agli entrobordo da competizione sono esposti anche altri natanti, come la barca da turismo Vidoli del1932, con motore 6C 1750, e i cosiddetti “barchini esplosivi” utilizzati durante la Seconda Guerra Mondiale.

La mostra “Cavalli marini” è aperta dal 17 ottobre 2020 al 21 febbraio 2021 ed è visitabile acquistando il biglietto del museo. Per maggiori informazioni potete visitare il sito ufficiale www.museoalfaromeo.com.

Fotogallery: Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio MY 2020, la prova