Avvistati una serie di muletti, camuffati da 488 GTB, equipaggiati con la nuova motorizzazione ibrida

La Ferrari si sta impegnando a fare tutto il possibile per mantenere in vita il celebre motore V12 aspirato, aggiornandolo per soddisfare le sempre più severe normative sulle emissioni.

Tuttavia, anche a Maranello sanno che dovranno adottare misure radicali per adattarsi ad un quadro legislativo "aspro", specialmente nell'Unione Europea, dove la volontà è quella di arrivare a livelli di CO2 sempre più bassi.

Soluzione elettrificata

La strada da percorrere per il Cavallino Rampante, necessaria per ridurre le emissioni di anidride carbonica, è naturalmente abbracciare l'elettrificazione. La LaFerrari introdotta nel 2013 ha permesso all'azienda di tastare da vicino la tecnologia ibrida.

Ma è con l'ultima e più avanzata SF90 Stradale, equipaggiata di motore termico con frazionamento V8, che a Maranello hanno sviluppato competenze pure in ambito plug-in. In questo vortice discendente del numero di cilindri, la Ferrari è pronta a realizzare il suo primo ibrido V6, come dimostrano alcuni avvistamenti intorno alla sede dell'azienda.

Camuffata a dovere

Nello specifico, sono stati adocchiati alcuni muletti sotto le mentite spoglie di una 488 GTB, in azione sulla pista di Fiorano. Certamente il sound del nuovo motore non è equiparabile a quello di un V8, figuriamoci di un V12, ma è comunque abbastanza piacevole per essere "solo" un V6.

Fotogallery: Ferrari ibrida, le foto spia

Altri competitor stanno seguendo la strada dell'elettrificazione, come Aston Martin con la Valhalla, McLaren con la sostituta della 570SNuova McLaren 570S, 6 cilindri ibrido per la "piccola" 720S e molto probabilmente Lotus con la prossima Esprit.

Forse a trazione integrale

Aggiungendo l'elettrificazione al "complesso" Ferrari, non possiamo escludere a priori che la nuova V6 possa essere offerta pure di un sistema di trazione integrale, come già accade sulla SF90 Stradale. Ciò detto, l'auto appare sicuramente veloce, soprattutto a vedere come i muletti affrontano i cordoli di Fiorano. Basta dare un'occhiata al video, per vedere come se la cava il prototipo del Cavallino Rampante.

Ancora due anni

La nuova Ferrari ibrida avrebbe dovuto arrivare sul mercato a settembre 2018, ma tutto è stato posticipato alla fine del 2022. Anche perché, sempre in tema di "muletti", dalle parti di Maranello non stanno ancora impiegando la carrozzeria definitiva, segno che si dovrà attendere ancora prima che venga deliberato il modello finale. E quando questo accadrà, non c'è d'aspettarsi il nome "Dino", poiché è stato dichiarato che non verrà impiegato nuovamente... almeno nel breve periodo.

[Fonte: Varryx / YouTube]