Non ci sono soltanto auto di lusso tra le Papamobili, ma anche modelli popolari e curiosi. Ecco cosa si può trovare nei garage vaticani

Non è passato molto tempo da quando Papa Francesco ha ricevuto in dono l’ultima papamobile, una Toyota Mirai alimentata ad idrogeno che va ad aggiungersi a una flotta di veicoli molto vasta e distribuita.

Alcuni, come la celeberrima Mercedes G, si trovano nella sede del Vaticano, altri sono in giro per il mondo, a disposizione per attenderlo nei suoi vari viaggi all’estero, mentre altri ancora dopo il servizio sono ritornati ai loro costruttori o affidati a diversi musei.

Nel corso degli anni infatti sono molte le Case automobilistiche che hanno realizzato vetture specifiche per il Papa. La lista, oltre a Mercedes-Benz che è una delle fornitrici principali, annovera infatti Citroën, Fiat, Lancia (ricordate la vettura su base Thesis che accompagnò le ultime uscite di Giovanni Paolo II?) ma anche le più recenti Renault e Dacia.

Se all’inizio queste erano tutte grosse landaulet con i posti anteriori coperti con un tetto in lamiera e per quelli posteriori una capote di tela, successivamente sono arrivate le "Papamobile" vere e proprie, fuoristrada con o senza capote in plexiglas realizzate espressamente.

E poi ancora, auto più piccole ma sempre con allestimenti speciali Ecco, dunque, 10 delle più importanti auto del Papa.