Dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e prefestivi l'Italia sarà zona rossa, negli altri giorni si passerà ad arancione

Dopo una lunga attesa è arrivato il Decreto che regolamenta gli spostamenti durante le vacanze di Natale 2020. Alla fine è passata la linea dura, che riporta l'Italia diventare zona rossa nei giorni festivi e prefestivi dal 24 al 6 gennaio, mentre nel resto delle giornate si passerà a zona arancione.

Un doppio status per la Penisola che di fatto vieta gran parte degli spostamenti, non solo da Regione a Regione ma anche tra comuni. Ecco tutte le regole.

Italia zona rossa: cosa si può fare

L'Italia ridiventerà zona rossa a partire dal 24 dicembre (attualmente è zona gialla) fino al 27 dicembre, dal 31 dicembre al 3 gennaio e nelle giornate del 5 e 6 gennaio.

In quelle date gli saranno vietati pressoché tutti gli spostamenti, fatti salvi quelli per andare a visitare parenti e amici, ma 2 adulti al massimo, i minori di 14 anni non saranno conteggiati. Un punto che crea zone grigie e che non è ancora stato del tutto chiarito.

In mancanza di indicazioni più precise, che arriveranno probabilmente nei prossimi giorni con le classiche FAQ sul sito del Governo, dovrebbero rimanere valide le attuali disposizioni per gli spostamenti:

  • In auto al massimo in 3 persone se non conviventi: guidatore + 2 passeggeri seduti sui sedili laterali posteriori. Tutti con indosso le mascherine
  • Se conviventi non ci sono invece obblighi, nè per l'uso di dispositivi di protezione individuali, nè sul numero delle persone a bordo del veicolo.

Rimarrà valido il coprifuoco nazionale tra le 22.00 e le 5.00 e non si potrà uscire dal proprio comune, a meno di comprovate necessità lavorative, di emergenza o di salute. Necessità da indicare nel solito modulo di autocertificazione, scaricabile cliccando qui.

Saranno inoltre consentiti gli spostamenti per fare rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Italia zona arancione: cosa si può fare

28, 29 e 30 dicembre più il 4 gennaio l'Italia passerà invece ad essere zona arancione, con qualche apertura in più riguardo gli spostamenti. Rimarranno vietati quelli tra regioni e comuni, a meno che non ci si sposti da un comune con meno di 5.000 abitanti, ma mai verso un altro comune con più di 30.000 abitanti e comunque all'interno di un raggio di massimo 30 km.

Ci si potrà spostare invece liberamente all'interno del proprio comune. 

Il calendario delle festività e i loro colori

24 dicembre 25 dicembre 26 dicembre 27 dicembre 28 dicembre
29 dicembre 30 dicembre 31 dicembre 1 gennaio 2 gennaio
3 gennaio 4 gennaio 5 gennaio  6 gennaio