Approvata la norma che prevede un aumento di 9,95 euro, per un totale che toccherà così i 54,95 euro

Dal 2021 fare la revisione auto costerà di più. Durante la discussione della Legge di Bilancio 2021, nella quale sono inseriti anche i nuovi incentivi auto, è stato infatti approvato un incremento di 9,95 a partire dal 1° gennaio del prossimo anno.

Effettuare la revisione in Motorizzazione così passerà dagli attuali 45 euro - in vigore dal 1997 - a 54,95 euro, pari a un aumento del 22% per i cittadini. Effettuarla invece presso officine autorizzate costerà 79,02 euro (54,95 ai quali aggiungere IVA, diritti motorizzazione e costo versamento postale), mentre prima si fermava a 66,88 euro.

Ci sono però degli sconti per la prima revisione.

Operazione veicoli sicuri

Al di là delle considerazioni sull'ennesimo rincaro che colpisce il mondo degli automobilisti, bisogna sottolineare come nel testo dell'emendamento si legge si parla di un fantomatico "Buono veicoli sicuri", che di fatto permetterà di non pagare il sovrapprezzo di 9,95 euro, ma non sarà per tutti.

La Commissione Bilancio della Camera infatti ha previsto che nel triennio 2021-2023 sia lo stesso Stato a sobbarcarsi l'aumento del costo della revisione auto, con un fondo di 4 milioni di euro per ciascun anno.

Un bonus valevole però unicamente per un veicolo per ciascun automobilista: se per caso avete intestati più di un veicolo e dovrete revisionarli, dal secondo in poi pagherete i 9,95 euro in più.

Revisione, cos'è e come farla

Ricordiamo che la revisione auto è imposta dalla legge e prevede controlli di determinati parametri ed elementi dell'auto, da svolgersi presso la Motorizzazione Civile, Agenzie ACI o Officine Specializzate.

La prima revisione va fatta entro 4 anni dalla prima immatricolazione dell'auto, le successive ogni 2 anni, entro la fine del mese di scadenza della precedente. In caso di mancata revisione si rischia una multa che va da un minimo di 173 a un massimo di 695 euro.