Un'altra collaborazione illustre sulla strada dell'elettrificazione: è quella anticipata a dicembre e confermata nel corso della conferenza stampa "virtuale" tenuta in occasione del CES 2021 dai vertici dei colossi Magna e LG, tra i principali fornitori rispettivamente di componentistica automotive e tecnologie digitali e batterie.

Questa joint venture, che prenderà il nome di LG Magna e-Powertrain, sarà formalizzata entro metà anno con quote del 51% di LG e del 49% di Magna. Obiettivo, realizzare e distribuire unendo le rispettive competenze un nuovo sistema propulsivo completo per veicoli elettrici chiamato semplicemente e-axle.

Tre in uno

Il sistema comprenderà infatti in un unico pacchetto il propulsore elettrico, l'inverter e il caricatore e consentirà di rafforzare la presenza sul mercato di entrambi i costruttori, soprattutto Magna che si è avvicinata a questo settore in tempi relativamente recenti, nel comparto delle zero emissioni. La joint-venture avrà sede a Icheon, in Corea del Sud, ma coinvolgerà anche gli stabilimenti statunitensi e cinesi coinvolgendo complessivamente oltre 1.000 addetti. 

Collaborazione strategica

Al completamento dell'accordo manca soltanto il via libera dell'azionariato LG, che è atteso per la tarda primavera in tempo per l'avvio delle operazioni che secondo i programmi avverrà a luglio.

Entrambe le società considerano comunque estremamente vantaggiosa questa operazione secondo Swamy Katagiri, presidente di Magna e CEO designato della nuova società, è l'opportunità per completare il portafoglio di offerte ai partner automotive e concorrere per la leadership, oltre a migliorare l'efficienza d'investimento in risposta a un mercato elettrico in piena accelerazione.

Fotogallery: Magna e LG unite per l'e-axle